Come iniziare un blog per comunicare e diventare un blogger professionista

1-21

Cominciamo col dire che si inizia con difficoltà aprendo un Sito/blog gratuito,ma poi arriva il piacere, la gioia di poter comunicare potendo e volendo con il mondo, pubblicizzando la propria attività . Ma possiamo scrivere di tutto?

Dipende ?

Se voglio promuovere la mia professione allora mi devo concentrare su quello che so fare e che voglio vendere , proporre per ottenere incarichi e lavoro. Chi è il mio possibile pubblico , chi sono i miei acquirenti ?

Solo un piccolo esempio:

Sono e voglio avere successo come interprete? Bene allora devo concentrarmi su questa professione.Un piccolo esempio:

Chi sono

Scrivere un breve profilo di se stessi

Creare un canale YouTube dove postare i propri video e mettere i link al proprio blog

Ma  attenzione siete preparati a fare più di una professione quindi attenzione a non concentrarsi solo su quello che piace fare e non su quello  che è più richiesto  per non rischiare di  avere una vita mediocre.

Sappiamo che la vita del traduttore è più difficile di quella dell’interprete

quindi diversifichiamo e tanto più saremo capaci di guadagnare e vivere bene.

Ad  esempio conosciamo le lingue ed amiamo viaggiare e allora diventiamo travel blogger, in più siamo sempre mediatori linguistici, interpreti e traduttori e proponiamo le nostre professioni.

Si parla in questo caso di “travel blog”, il blog di viaggi. Il tema principale ma non solo è il viaggio, sul blog troviamo luoghi visitati  con foto consigli,condivide racconti, consigli, foto e video con tutti coloro che condividono la  stessa passione. Potrete anche diffondere la professione di traduttore come ad esempio tradurre siti web, guide di viaggio, fare video su località interessanti da visitare ,mettere i sottotitoli o doppiarli in inglese.

Non basta però aprire il proprio blog di viaggi o promuovere la propria attività su una piattaforma gratuita e iniziare a scrivere. Bisogna acquisire quelle competenze necessarie affinché il blog raggiunga più persone possibili e poi saperlo commercializzare.

Bisogna quindi conoscere quali plugin implementare, le tecniche SEO per arrivare nella prima pagina di Google, le regole di scrittura per il web, bisogna sapere analizzare i dati dei visitatori tramite Google Analytics e conoscere tutti i segreti dei social network affinché attorno al blog si crei una community di viaggiatori interessati agli argomenti trattati dal travel blogger.

I Social network

Tra i social network a cui dedicare maggiore attenzione oltre a Facebook    puntiamo su Instagram,  il social perfetto per diventare un  blogger di successo.

È proprio la foto di un luogo che ci ispira a intraprendere un viaggio o un abito che indossiamo o che viene indossato che stimola anche solo la curiosità nel saperne di più  su quel luogo e quel marchio.

Non bisogna essere dei fotografi professionisti per avere successo su Instagram. Ovviamente bisogna avere delle conoscenze di base, essere creativi e saper scegliere il momento giusto che valorizzi il proprio scatto.

Un travel blogger, come del resto il blogger di qualsiasi altro settore, ha diverse strade per perseguire un guadagno.

Vi sono varie possibilità di trasformare la  passione per i viaggi o quello per la moda , per la cucina o tante altre passioni in un lavoro. La prima è quella che riguarda le inserzioni pubblicitarie sul proprio blog. Sto parlando dei banner, le immagini o strisce posizionate in varie parti del sito web che contengono un chiaro ed esplicito messaggio pubblicitario.

Chi punta a questo genere di guadagno deve avere come obiettivo principale quello dell’aumento del numero dei visitatori, lavorando molto sulla SEO (Search Engine Optimization), cioè sul posizionamento sui motori di ricerca.

Professione Blogger 

La prima regola è quella di scegliere un tema di interesse e che può fare la propria fortuna.
Pete Cashmore è lo scozzese che ,partito nel 2005 senza soldi, ha realizzato uno dei blog più potenti della rete. Mashable  con i suoi 560mila dollari al mese  , guadagnati grazie ai suoi banner pubblicitari è il secondo blog più redditizio del mondo. Mashable si occupa di notizie e scoop sul mondo della tecnologia e dei social media . 
Pete era  giovanissimo quando ha iniziato ,il suo blog ha oggi più di 40 milioni di pagine visualizzate al mese ed è uno dei  più influenti al mondo.
Proprio i Social Media  hanno un ruolo della massima importanza per rendere popolare un blog . Mashable ha 2,3 milioni di follower su Twitter e più di 500mila iscritti alla pagina di Facebook.
Mashable oggi è una grande azienda con più di 40 dipendenti in  sedi diverse. Pete Cashmore ha saputo investire nel suo futuro . Il segreto del suo successo è quello di aver fatto tanta promozione al suo blog: ha organizzato eventi, feste e conferenze.

DSC01615-horz

Da dove vengono gli introiti di un Blog

La maggior parte dai banner.Seguono altre forme di pubblicità: Cpm(costo per 1.000 visualizzazioni) e Cpc(costo per clic), la creazione di un’area riservata a pagamento e la vendita di prodotti e servizi.Ma il segreto sta nell’usare il blog come strumento a supporto di un’attività imprenditoriale .
Onibalusi Bamidele è nigeriano aveva  soli 17 anni quando ha iniziato e  guadagna più di 5mila dollari al mese con un blog rivolto ai neo imprenditori. Si è costruito un nome pubblicando centinaia di post su alcuni dei blog più influenti sul tema del fare soldi con internet. youngprepro vuole insegnare come creare un blog di successo concentrandosi sulla sua specialità: il guest blogging,ovvero farsi ospitare con interventi su blog autorevoli per  aumentare la reputazione e il traffico sul proprio blog. Ha studiato ed imparato il guest blogging in cui il blogger spiega che tipo di post apprezza e quali sono invece poco apprezzati al punto da non venir pubblicati. The ultimate guide to guest blogging  è stata scaricata da migliaia di utenti.

Il Segreto ?

Per diventare un blogger di successo ci vuole passione, competenza e tenacia.
La passione dà la sicurezza per non arrendersi. Le competenze ti guidano a fare le scelte giuste . La tenacia non ti fa smettere fino a quando non hai raggiunto i risultati.
Alcuni esempi di successo che hanno prodotto lavoro:
Rome driving tours
Your tour in taly

fash0

 FASHION BLOGGER 

Sono pochi coloro che si occupano di fashion blogger , c’è poca concorrenza, quindi ne consegue che ci sono ancora molte possibilità di poter investire in questo settore. Per iniziare la carriera di fashion blogger prima di tutto è necessario creare un blog, attraverso WordPress.com o Blogspot.com. Molto importante sarà il nome che si darà al diario virtuale e soprattutto la grafica che dovrà essere accattivante, seducente, ma anche pulita e soprattutto personale.  L’ideale, per poter ottenere un notevole numero di followers, potrebbe essere quello di pubblicare un outfit al giorno, indicando il costo e la marca indossata. Si dovrà curare molto le fotografie che si pubblicheranno sul  blog: dovranno essere scatti curati, nitidi, grandi e luminosi.

Possedere anche notevoli conoscenze in ambito informatico, per rendere il proprio fashion blog attraente e ricercato. È necessario, quindi, conoscere i trucchi dei motori di ricerca (SEO) per fare in modo che il proprio blog compaia nelle prime pagine di ricerca su Google, quando si cerca un vestito o una borsa alla moda. È fondamentale usare le giuste parole chiave e pubblicizzarsi sui social network attraverso una pagina Facebook e un’utenza Twitter create appositamente. L’uso della lingua inglese, inoltre, aumenta la possibilità di portare più click al proprio portale.

Più visite vi saranno, più possibilità avrete di poter essere pagate da un’azienda per la pubblicità che sarete in grado di farle con i vostri post “alla moda”. Se i contatti aumenteranno di settimana in settimana, molto probabilmente inizieranno ad arrivare anche i primi buoni acquisto spediti da marchi intenzionati a raggiungere il pubblico del nuovo blog. Infatti, le migliori fashion blogger italiane ricevono inviti alle sfilate più prestigiose, vestiti in regalo e banner del valore di 3mila euro al mese. Tra le fashion blogger italiane che sono riuscite a trasformare la propria passione per la moda in un vero e proprio lavoro troviamo:

Chiara Ferragni,  è la fashion blogger più famosa d’Italia. Il suo theblondsalad.com ha 90mila contatti al giorno (il 65% all’estero). Nei primi sei mesi dalla nascita del blog ha avuto un fatturato di 50mila euro. I banner pubblicitari sul suo sito vengono venduti anche per 3mila euro al mese.

Virginia Varinelli, 27 anni, laurea alla Bocconi, è l’ideatrice di uglytruthofv.com, che ha 13mila contatti al giorno. Virginia dedica 4 ore al giorno al suo blog.

Nicoletta Reggio, 25 anni, ha creato scentofobsession.com. Il suo guadagno è di 800 euro al mese a cui si aggiungono i buoni acquisto che le vengono inviati in omaggio dai siti di shopping online. Il primo buono le è stato spedito da un sito svedese dopo 4 mesi dalla nascita del suo blog.BORSAENTRà

Ecco alcuni consigli utili per diventare delle affermate fashion blogger. Prima di tutto è necessario  imparare ad osservare il lavoro altrui, per scoprirne i trucchi e i segreti. In secondo luogo, cercare di prendere parte agli eventi di moda più importanti come ad esempio la fashion week di Milano. Nell’occasione si  cercherà di scattare più foto possibili e postatele sul  blog, in tal modo i lettori  vi seguiranno costantemente.  E’ consigliabile avere gusti nella norma, che rappresentino il modo di vestire della maggior parte delle ragazze.

Per diventare  affermati fashion blogger è necessario, inoltre possedere  importanti qualità: prima tutto bisogna essere competenti, sempre informati sulle nuove mode e sui nuovi trend, ma soprattutto cercando di scovare le nuove tendenze prima che diventino troppo popolari. Occorre poi proporre il proprio personale stile, senza però essere troppo fuori dalle tendenze della moda. In secondo luogo, bisogna essere puntuali, aggiornando spesso il proprio blog con novità importanti.  Altra qualità è quella di saper scrivere in modo semplice, fluido e frizzante, cercando di non dilungarsi troppo, ma allo stesso tempo, descrivendo in modo personale ed originale le ultime tendenze di moda.

food-blogger-pro-post 

FOOD BLOGGER: LA BUONA CUCINA ITALIANA

 

Una delle professioni che ultimamente sta spopolando anche in Italia è quella del food blogger.

Per poter diventare un bravo food blogger è necessario prima di tutto aprire un proprio diario virtuale, nel quale inserire delle ricette originali oppure recensire quelle assaggiate in ristoranti e agriturismi  , oltre a suggerire il modo migliore per cucinare o per fare acquisti. E’ indispensabile inoltre, avere delle buone conoscenze nel settore  dell’informatica applicata e conoscenze  SEO. In secondo luogo, è necessario possedere una buona macchina fotografica ed una buona conoscenza dell’arte fotografica, al fine di realizzare abilmente foto ed immagini  che presentino il piatto in modo accattivante, così da far venire l’acquolina in bocca a chi sta cercando sul web una specialità da preparare in cucina.

E’ consigliabile inoltre, creare un proprio personale brand, una specie di marchio che vi contraddistingua e vi faccia emergere  rendendovi unici.  Indispensabile è cercare di aggiornare il proprio blog quotidianamente con ricette e recensioni, al fine di aumentare il proprio numero di followers. Tutti i lavori devono essere diffusi su Facebook e Istangram,Twitter o Pinterest, il social network che sembra fatto apposta per i food blogger: se una foto piace è condivisa in pochissimo tempo.  Bisogna anche creare un canale YouTube per avere un gran numero di visualizzazioni e far crescere  il proprio sito/blog.

Per diventare dei bravi food blogger non serve un determinato titolo di studio, è necessario solo possedere nozioni di cultura generale, saper scrivere, saper cucinare, ma soprattutto essere costanti nell’aggiornare il blog e nel rispondere ai propri lettori: i commenti sono molto importanti e interagire con i propri lettori è un’altra chiave del successo. Un consiglio: potete anche sottolineare le parole chiave all’interno del vostro articolo per rendere più semplice la ricerca ai vostri lettori oppure creare un pulsante di ricerca  per mezzo del quale i  lettori possono cercare una ricetta o altro. Potrete anche inserire un elenco di tutte le ricette scritte, raggruppandole in base alle caratteristiche comuni.

Questi di seguito sono alcuni dei blog italiani più seguiti:

Fatto in casa da Benedetta Food blogger italiana  Benedetta è la fortunata fondatrice del suo blog  ed è senza alcun dubbio la Food Blogger Italiana del momento.

Giallo Zafferano ideato da Sonia Peronaci, è il sito di cucina più famoso d’Italia. Ha 400 mila utenti unici e 1,3 milioni di pagine visitate ogni giorno.

Il Cavoletto di Bruxelles di Sigrid Verbert, è un must per gli appassionati di cibo. Il suo blog arriva a toccare oltre 10mila visite al giorno.

Sorelle in pentola è il blog che Chiara Maci, la food blogger italiana più apprezzata

 

L’importanza di una buona conoscenza delle lingue per chi desidera lavorare all’estero.

an-infographic-profile-of-the-modern-travel-b-L-9g6_6Q

Travel Blogger

Il fenomeno è crescente In un mercato, come quello italiano, dove la prima fonte di informazione turistica risulta essere la Rete (55%), il loro ruolo è sempre più importante.  Nel mondo anglosassone, i travel blogger utilizzano un approccio più commerciale.  Centinaia di blogger di viaggio provenienti da tutto il mondo, si sono incontrati  proprio in Italia, a Perugia, per il meeting annuale dell’associazione Travel Bloggers Unite (www.travelbloggersunite.com).  L’Umbria ha “vinto” su Valencia, l’altra candidata a ospitare l’appuntamento . Per tre giorni, sotto l’ala protettrice del fondatore del gruppo Oliver Gradwell, si sono confrontati su come fare business insieme, hanno frequentato workshop per realizzare video più accattivanti e hanno incontrato anche il guru della fotografia Steve McCurry. Poi sono partiti invitati dalla Regione Umbria alla scoperta delle sue bellezze, da Norcia a Spello e Assisi, per poi raccontare le loro esperienze nei loro diari in Rete. Anche la Toscana, l’Emilia Romagna e il Trentino hanno capito l’importanza della comunicazione turistica 4.0.  Un team di blogger selezionati ha partecipato al tour “Activity and wellness”, dal 21 al 24 giugno, negli hotel del benessere della Val di Sole e dintorni.

LA PIATTAFORMA e il SEO
La prima mossa da fare è scegliere la piattaforma di pubblicazione. Ne esistono diverse, ma le più utilizzate sono blogger di Google e WordPress: nella lista dei migliori blog di viaggio pubblicata su Wired.it, quest’ultima si conferma la piattaforma preferita dai travel blogger. Con WordPress si può creare un blog “preconfezionato” a costo zero o acquistare uno spazio da costruire come volete (per 18-25 $ all’anno).

Per inserire url, tag, titoli e descrizione Seo e parole chiave all’interno dell’articolo (tutto ciò che Google legge per dare i risultati di ricerca), la regola base da tenere a mente è:

Come cerco ciò di cui voglio scrivere su Google? Rispondendo bene a questa domanda, il gioco è fatto. Per sapere quali sono le parole più cercate sulla rete ci sono Google Trends e Google Adwords. Potete provarli: c’è da passare un po’ di tempo  nello scoprire  quello che  si vuole sapere da Google.

Scrivere Storie

Individuare l’argomento, non uscire dal tema, dare informazioni, non usare parole troppo ricercate, usare una sintassi facile con frasi brevi (come fa Mary Morris sul suo blog) e non essere prolissi. Tutto questo è  molto importante, ma potreste trovare persone più interessate alle vostre foto o ai vostri follower piuttosto che alla perfezione degli articoli. Può essere il luogo che avete visitato o foto che avete scattato.  Bisogna farsi riconoscere e sviluppare uno stile proprio. Infine,  scrivete anche in inglese avrete molto più visite !

Postate foto e video

 

Dopo aver scritto una storia,   postare sul blog foto e video. Se volete avere una visibilità  dovete pubblicare il meglio che avete. Una brutta foto è  peggio di un testo scritto male. Se usate app per modificarle (per lo smartphone o sul computer), come Snapseed o Photoshop, state attenti a non strafare, perché il risultato potrebbe essere una foto con colori troppo innaturali. Sarete vincenti se troverete foto con panorami mozzafiato. Se volete girare video perchè non seguire  la bogger newyorkese Kelley Ferro: nella sua rubrica A New York Minute recensisce i ristoranti della Grande Mela, mentre sul suo sito raccoglie video di viaggio da tutto il mondo.

Condividere

 

Condividere i contenuti pubblicati sul blog è indispensabile per aumentare la vostra visibilità.  Twitter ,Instagram e Facebook, l’importante è essere social La felicità è vera quando si condivide.

 Sapere cosa si scrive

Il  blog non è una testata giornalistica. Lo ha stabilito di recente la Corte di Cassazione, assolvendo per insussistenza del fatto il giornalista Carlo Ruta, autore di un blog che era stato condannato per il reato di stampa clandestina. Questo significa che non dovete preoccuparvi di registrare il vostro blog in un Tribunale, ma fate comunque attenzione a quello che scrivete perché in Italia la materia è ancora molto incerta. Se volete quindi evitare fastidi di ogni genere ,da mail di protesta all’ accusa di diffamazione, controllate sempre l’esattezza di quello che scrivete e non date mai per scontate informazioni trovate sul web, fate ricerche accurate  e ben documentate. Criticate una compagnia aerea o l’accoglienza di un albergo se volete, ma fornite valide motivazioni.

Calcolare la propria Influenza

Gli strumenti più immediati per calcolare coloro che visitano le vostre pagine sono il contatore visite (si installa su WordPress grazie a un plugin) e Google Analytics. Tra i vari strumenti che calcolano il vostro successo sui social network c’è Klout, che elabora alcuni dati presenti sulle vostre pagine social e vi restituisce uno score compreso tra 0 e 100. Da 60 punti in su potete considerarvi già abbastanza influenti. Ovviamente, potete farvi un’idea dell’influenza di un blogger anche soltanto dal numero di “mi piace” su Facebook e dal numero di follower su Twitter.

Creare Lavoro

Per avere informazioni su quello che succede nel mondo del turismo, per ricevere comunicati stampa, inviti ad inaugurazioni di hotel o a viaggi stampa o a convegni di blogger, dovete farvi conoscere, primi fra tutti ad enti del turismo e agenzie di comunicazione specializzate in viaggi (Martinengo, Goup, Adam, Open Mind). Più siete convincenti e più ampio è il vostro bacino di follower, tanto maggiori saranno le possibilità che qualcuno vi chiami. Mandate mail, usate il telefono, costruite un’agenda di contatti.

Guadagnare con il blog

Se create un blog con l’idea di guadagnare  con la pubblicità vi sbagliate. Sono pochi i  blogger che ci riescono e quasi tutti lavorano per il mercato anglosassone, dove la possibilità che una società si accorga di un blogger e lo sponsorizzi è molto più alta che in Italia. È quello che è successo a Kash Bhattacharya, che ha creato Budget Travel un blog, focalizzato sulle mete cheap and chic, in particolare gli ostelli di lusso. Volano anche più alto Johnny Jet , che valuta spa e alberghi da New York a Bali  e Melvin Boecher, che con il suo Traveldudes è  uno dei più seguiti blogger di viaggio al mondo.

PIÙ VISITATORI AVRAI E PIÙ ALTI SARANNO I GUADAGNI

Un’altra forma di guadagno è quella che riguarda le affiliazioni, ovvero degli accordi con società varie che pagano una percentuale in base al venduto. Mi viene in mente ad esempio Amazon: affiliandosi con questo colosso della distribuzione si percepisce una percentuale in base alla vendita di determinati prodotti che possono essere guide di viaggio, libri, valigie  o qualsiasi altro prodotto giri intorno a questo mondo.

MEGLIO PERDERE GUADAGNI CHE LA REPUTAZIONE, COSA CHE VALE SEMPRE SPECIE PER UN  BLOGGER

Ci sono poi altre modalità di guadagno anche molto diverse tra loro. Una di queste è quella di “rivendere” le proprie competenze e conoscenze ad altri portali   scrivendo articoli per loro. Chi è abile nella produzione di video può rivenderli a vari committenti e chi sa scattare belle fotografie può rivederle a siti o a testate giornalistiche.

Se siete creativi  e sapete scrivere, si può guadagnare scrivendo eBook e poi rivenderli tramite il proprio blog di viaggi, si possono realizzare e vendere gadget, si può fare formazione in base alle competenze informatiche acquisite  e si può partecipare anche a campagne di comunicazione. Ma non solo… si può fare molto di più …

Buon Lavoro

Comprendere il movimento europeo dell’Illuminismo nella Germania protestante del Pietismo 

Di Marino Freschi

235154818-1c80db8c-1328-4f0e-b45f-8c2b1b8f4433

Care studentesse & cari studenti, proseguiamo con i materiali didattici. Come vedete, si tratta di informazioni preliminari di cultura generale, che ritengo indispensabili per costruire delle mappe storico-letterarie. Molte di queste informazioni vi saranno note dai Vostri precedenti studi, pur tuttavia vale la pena richiamarle alla memoria per poi proseguire più spediti nella nostra narrazione della letteratura tedesca, che si concentrerà soprattutto sul periodo che va dal Settecento, connotato dal movimento europeo dell’Illuminismo – e nella Germania protestante: del Pietismo – fino al Primo Novecento.

L’Illuminismo è quella cultura legata al primato della ragione sulla religione che si dispiega in Europa, soprattutto in Francia con Voltaire e gli enciclopedisti, ma anche con Rousseau; come pure in Inghilterra con gli empiristi e in Italia a partire dal napoletano Giambattista Vico e più tardi dal milanese Cesare Beccaria.

In Germania -ricordiamoci che la cultura tedesca si diffonde soprattutto nella Germania protestante (soprattutto settentrionale e Orientale )- l’Illuminismo ha caratteristiche determinate dalla debolezza sociale degli ambienti culturali in seguito alla tremenda Guerra dei Trent’Anni (1618-1648). Tale debolezza spiega che gli intellettuali illuministi fossero in maggioranza professori universitari, che ebbero il merito di diffondere la cultura ‘laica’ (non confessionale, non religiosa), evitando però quel ‘piglio’ radicale e ribelle di tanti illuministi francesi e inglesi. I tedeschi si manifestarono più docili alla autorità, con l’unica grande eccezione di Gotthold Ephraim Lessing(22 gennaio 1729-15 febbraio 1781: morì a 52 anni!) che fu chiamato, per questo suo spirito indipendente e moderno, un “intellettuale non autorizzato”. E chi l’avrebbe dovuto autorizzare? Il potere dei sovrani assoluti che non amavano certo la critica che era invece la grande missione intellettuali degli illuministi.

L’illuminismo coincide anche con lo sviluppo vieppiù impetuoso della borghesia, ovvero della classe di imprenditori, di industriali, di commercianti e anche di intellettuali, docenti, scrittori, giornalisti.

Accanto all’illuminismo, in Germania (quella protestante, s’intende) si diffuse, dalla fine della Guerra dei Trent’Anni (la cui importanza non deve essere mai sottovalutata per la politica, l’economia e la cultura tedesca) il pietismo, che è un fortissimo movimento che propone il primato della fede cristiano-luterana (ricordate: Sola Scriptura, sola Fide, sola Gratia, solus Chrstus…) su tutti i valori. Questa corrente si avvale del grande strumento linguistico del tedesco di Lutero e accentua la centralità del sentimento, del ‘cuore’ (pensate in ambito cattolico la devozione al ‘Sacro Cuore’). Il ‘cuore’ pietista contro la ragione (:il cervello) illuminista. Pietismo e illuminismo si contesero l’egemonia culturale in Germania e alla fine ci fu come una contaminazione, un tentativo di sintesi, che spiega il sorgere, improvviso, impetuoso, dello Sturm und Drang, la prima avanguardia poetica in Europa. Siamo verso il 1770 e il periodo più intenso di questa corrente letteraria si concentra per un decennio con qualche ‘coda’, ad esempio: il teatro del giovane Friedrich Schiller (Marbach 1759-Weimar 1805). Schiller –anticipiamo- lo conoscete perché è l’autore dell’ “Inno alla Gioia”, che è diventato con la musica di Ludwig van Beethoven (Bonn 16 dicembre 1770-Vienna 26 marzo 1827) l’inno dell’Europa.

Il protagonista dello Sturm und Drang, che durò pochi anni, fu il principale scrittore tedesco di tutti i tempi: Johann Wolfgang Goethe (Francoforte sul Meno 28 agosto 1749- Weimar 22 marzo 1832). Goethe definì questo movimento di scrittori giovani e forti: «la rivoluzione letteraria tedesca». Il principale documento di questa corrente artistico-letteraria è il romanzo I dolori del giovane Werther, pubblicato nel 1774 (Goethe aveva appena 25 anni). Certamente un romanzo d’amore che finisce ‘male’ con il suicidio del giovane protagonista, Werther, che non accetta che la ragazza amata Lotte (ovvero Charlotte) ami e sposi un altro: Albert, un giovane con la ‘testa a posto’ e non così esuberante come Werther. Succede, ma non tutte le storie d’amore infelice finiscono così tragicamente e non tutte sono così stupendamente raccontate. Un romanzo autobiografico? Sì e no. Goethe conobbe e forse s’innamorò di una ragazza di nome Lotte, ma, capita l’antifona, se ne tornò a Francoforte e anzi dopo un anno accettò di diventare il consigliere del Duca di Weimar, che era un piccolo Ducato in Turingia, nella parte orientale della Germania. E fece carriera: divenne ministro, anzi una specie di primo ministro. Si era innamorato di un’altra Charlotte, una dama di corte Charlotte von Stein, sposata con vari figli. Sicuramente fu vero amore e sicuramente fu amore ‘platonico’.

Ma dopo una decina d’anni, Goethe era esausto per l’eccesso di lavoro burocratico, che non gli permetteva più di scrivere (e forse per soverchio ‘platonismo’) e se ne ‘fuggì’ in Italia senza dirlo né al Duca Carl August (suo amico, che capì e continuò a pagargli lo stipendio, anzi glielo aumentò per non perderlo) né a Charlotte che ci rimase molto male. In Italia restò due anni soprattutto a Roma, ma anche a Napoli, in una locanda che fu abbattuta per costruire la Galleria Umberto (se andate, verso l’uscita di via Verdi c’è una lapide che lo ricorda). In Italia Goethe tornò a scrivere e fu il biennio della svolta artistica con la nascita del ‘classicismo’.

Tornò a Weimar nell’estate del ‘88, e un anno dopo avvenne un evento che cambiò la storia del mondo: il 14 luglio 1789 scoppiò la Rivoluzione Francese.

quadro_rivoluzione_francese

Ecco ora alcuni dati storici che forse già conoscete e che Vi saranno utili tenere presenti:

 

800 Sacro Romano Impero: Carlo Magno a Roma incoronato dal papa

1517 95 tesi Lutero (1483-1546): 501 fa

1618-48 guerra 30 anni

1649 pace Vestfalia

1712-1786 Friedrich II di Prussia

1729-1781 G. E. Lessing

1756-63 Guerra 7 anni

1770-1786 Sturm und Drang

1744 J. G. Herder

1749-1832 Goethe

1774 Die Leiden des jungen Werthers

1759- 1805 F. Schiller

1815-1898  Otto von Bismarck

1818-1883 Karl Marx

1844-1900 Friedrich Nietzsche

1856-1939 Sigmund Freud

 

1871-1918 Secondo Reich

1871-1950 Heinrich Mann

1875-1955 Thomas Mann 6 giugno-12 agosto

1875-1926 Rainer Maria Rilke

1877-1962 Hermann Hesse

1881-1942 Stephan Zweig

1883-1924 Franz Kafka

1894-1939 Joseph Roth

1900 Freud: Die Traumbedutung

1901 Thomas Mann Buddenbrook. Decadenza di una famiglia

1914-1918 Grande Guerra – Rpima Guerra Mondiale

1929 Crisi economica mondiale

1933-1945 Terzo Reich

1989 Riunificazione Tedesca

 

 

 

 Spengler tra ‘tramonto’ e pandemia

  Di Marino Freschi

                                     

Spengler, il filosofo della crisi, è più attuale che mai in questi tempi di pandemia. Ancora una volta Il tramonto dell’Occidente Di Oswald Spengler, lo scrittore reazionario, quello ammirato da Mussolini, ma disprezzato da Hitler. Il librò uscì nel 1918, mentre in Europa e nel mondo infuriava la “spagnola”.

Il tramonto divenne rapidamente un best seller. Benché di ardua lettura era il libro giusto per una Germania sconfitta, demoralizzata, sconvolta dall’inattesa capitolazione, da moti rivoluzionari e perfino dalla pandemia’, che causò milioni di vittime, spettarle prefigurazione del Corona Virus. Ebbene in quel clima il libro di Spengler venne letto come una profezia e un monito.

il tramonto dell'occidente spengler

Stroncato nel 1920 da Benedetto Croce, l’opera che era un autentico ‘monstre’ nel panorama della saggistica del tempo, non venne tradotta. Solo nel 1957 il filosofo reazionario Julius Evola tradusse Il tramonto per Longanesi. Un’impresa traduttiva notevole, condotta da un intellettuale politically incorrect. Ora abbiamo una nuova traduzione completa, di cui è appena uscito il secondo volume: Il tramonto dell’Occidente (2 volumi, 1500 pagine, €40 + €40) a cura di Giuseppe Raciti per i tipi di Aragno. Questa monumentale edizione propone un testo rinnovato, con rettifiche non solo filologiche, bensì fortemente ideologiche; certo Raciti rende, con ironica eleganza, gli “onori delle armi” alla precedente versione.

Questa nuova edizione ci fa comprendere la centralità di un’opera che tocca l’anima dell’Europa, poiché Il tramonto è patologia e terapia nel medesimo tempo, ma è anche un immenso romanzo, un’epopea, un capolavoro letterario e così è stato letto –spesso clandestinamente- dai più diversi scrittori non solo tedeschi. Da noi sul Tramonto hanno scritto, tra gli altri, Franco Volpi, Manlio Sgalambro, Roberto Calasso. Finalmente gli si rende giustizia, interrompendo la “quarantena”, proprio come era successo a , il suo maestro. La sorpresa della nuova traduzione è nell’affermazione spengleriana del primato del paesaggio, della Landschaft (da ‘Land’: terra, territorio, paese): «Gli uomini migrano; la serie delle generazioni nasce in paesaggi sempre diversi; il paesaggio esercita un potere segreto sull’elemento vegetale che è in loro e alla fine l’espressione razziale ne risulta profondamente mutata». Leggendo, rileggendo, scopriamo miniere di rimandi, intrecci, citazioni, segrete influenze e analogie come le annotazioni spengleriane dedicate, a sorpresa, a totem e tabù e pur senza nominarlo, Freud lo si avverte ben presenteIl tramonto è un gran romanzo, un sequel enorme. Certo, la scrittura rimane quella sussiegosa dell’erudito tedesco, ma sotto si percepisce la verve, l’originalità, sì la passione poetica e talvolta la tensione raggiunge la pura liricità: «Si fa strada in quest’anima [dell’uomo primitivo] divenuta all’improvviso cosciente della propria solitudine il sentimento primordiale della nostalgia.

È il desiderio circa un fine del divenire, è il tormento che spinge al compimento e alla realizzazione di ogni interna possibilità, è la brama di imporre uno svolgimento adeguato all’idea della nostra esistenza». Si è tentati di continuare a citare, ma l’assaggio è sufficiente per risistemare Il tramonto dell’Occidente, non tra i libri di storiografia, ma accanto ai romanzi, tra gli ultimi della belle époque e le prime prove dell’avanguardia. È ora di rileggere Spengler? Forse perché lo spirito del nostro tempo –lo Zeitgeist– inclina a riflessioni su tramonti e crepuscoli, tuttavia riscattati dalla scrittura e dal pensiero, dal libero, intrepido pensiero dell’uomo. Contemplato alla debita distanza storica, Spengler si affianca, ormai, a quei grandi intellettuali che sovente gli furono – e a ragione – ostili o lontani, ma sempre incuriositi dal Tramonto, come Thomas Mann, ma anche Musil, Rilke, Hermann Hesse fino a giungere ad Adorno. I loro libri, tutti, continuano a essere i grandi romanzi intellettuali di quella Germania che crocianamente continuiamo faticosamente ad amare, malgrado l’attuale trattamento di Berlino e di Francoforte nei nostri confronti.

Marino Freschi

 

 

 

 

Studenti e professori sostengono la formazione  a distanza al tempo del Nuovo Coronavirus

e-Learning

Molti esperti ministeriali dell’istruzione e dell’università, esperti del settore discutono ora sul futuro dell’apprendimento online. La discussione è importante in questo momento perché  centinaia di università  e istituti di ogni ordine e grado in Italia e nel mondo hanno fortemente consigliato di attivare le lezioni online a causa della diffusione del nuovo coronavirus.

Da sempre UNITALIA ha creduto nella formazione on line e  invitato i suoi aderenti a formarsi ed aggiornarsi  a distanza. L’ascesa dei programmi di studio offerti su internet o online ha portato a importanti miglioramenti nell’istruzione in genere , in quella  superiore  universitaria e soprattutto nell’aggiornamento professionale.

In realtà la formazione on line consente s molta più libertà a chi desidera formarsi in termini di come, quando e dove apprendere.

Le SSML e le università di tutto il mondo sono alla ricerca di nuove tecnologie e metodi per dare una formazione di alta qualità fuori  dalle strutture fisiche ,dai campus e al di fuori del normale orario di lavoro. La decisione delle autorità  in Italia di sospendere le lezioni in presenza  a causa   del nuovo coronavirus ha dimostrato quanto possa essere importante l’insegnamento online. E la domanda di tali programmi è in aumento.

Un settore  sempre più crescita.

elearning-company-eduquestindia-s1

Ma quali sono  le tecnologie migliori? Quali utilizzare? Quali quelle più gradite e interattive?

UNITALIA ha da sempre sostenuto e creato percorsi  di formazione  superiore per tutti coloro che altrimenti non avrebbero potuto ottenere una laurea o non avrebbero potuto aggiornarsi per migliorare la propria occupazione lavorativa. Per diversi motivi: perché studenti lavoratori, per motivi di salute, di distanza dai luoghi di formazione in presenza e altro.

 UNITALIA è una delle tante Associazioni di professionisti che collabora con le Scuole Superiori di Mediazione Linguistica e con Università aderenti ad AUPIU come UNIMARCONI  per creare strumenti di studio online e programmi interattivi completi. Tramite programmi e laboratori multimediali le classi si incontrano anche online tramite videoconferenze e altre modalità telematiche. In questo modo, gli studenti sono in grado di comunicare tra loro e con i loro professori anche quando sono lontani dalla classe in presenza.

L’apprendimento online permette anche agli studenti lavoratori a tempo pieno e sostengono le famiglie, di studiare  e formarsi nel loro tempo libero. Utile anche per tutti  coloro che potrebbero avere difficoltà a frequentare una sede universitaria, come gli studenti disabili o coloro che vivono lontano da qualsiasi scuola  o università.

the el

Ricerche recenti  organizzate da UNITALIA evidenziano  che la maggior parte degli studenti delle SSML  preferisce l’insegnamento in presenza. Inoltre  le SSML tramite comunicazioni  e disposizioni ministeriali hanno fatto esperienza di  una certa diffidenza all’utilizzo di programmi integrati on line anche da  organismi di governo  e soprattutto da parte del Ministero. Ne è un esempio il  DECRETO 3 maggio 2018, n. 59 (Regolamento recante modifiche al decreto 10 gennaio 2002, n. 38, per il riordino della disciplina delle scuole di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697, adottato in attuazione dell’articolo 17, comma 96, lettera a), della legge 15 maggio 1997, n. 127) dove all’articolo 10 comma 5  si afferma  che:

“5. I corsi di secondo ciclo, in considerazione della loro natura professionalizzante, non possono essere erogati in modalità telematica”.

Non si hanno  chiare linee politiche e ministeriali che possano orientare i formatori e le strutture scolastiche e Universitarie ad integrare la loro didattica con piattaforme appositamente create per erogare ed integrare corsi a distanza.Forse ora a causa del Coronavirus le cose cambieranno.

Da diversi anni UNITALIA ha avviato una ricerca  orientativa  chiedendo agli studenti  se amano il sistema BLENDED on line o la formazione completamente a distanza.  La convenzione  con alcune Università Telematiche  e il sondaggio  effettuato su tutti gli studenti che frequentavano i laboratori presso le SSML con la laurea Magistrale LM/38  in convenzione con la UNIMARCONI,  ha evidenziato  che tutti gli studenti frequentanti tali laboratori  preferivano l’insegnamento in presenza .

Gli studenti vedono le lezioni in classe come opportunità per interagire con gli istruttori, i coetanei e di interagire con  i contenuti; inoltre  hanno dimostrato la soddisfazione di appartenenza verso la loro sede di formazione per la loro esperienza  diretta con le tecnologie dimostrando una certa avversione ad interagire con i professori e i contenuti  forniti in telematica. Anche gli studenti lavoratori che seguivano corsi in modalità blended hanno detto di preferire la formazione in presenza anche se limitata al fine settimana a causa dei loro impegni di lavoro.

Comunque  lo studio di UNITALIA si è concentrato principalmente sulle opinioni degli studenti tradizionali, cioè quelli tra i 20 e i 24 anni.   Non ha preso in considerazione gli studenti o i professionisti  di settore .

L’apprendimento personale è particolarmente importante nella formazione della Mediazione Linguistica scritta e orale, dell’interpretariato sia consecutivo che simultaneo anche se gli studenti devono sempre più essere preparati alle sfide della videoconferenza e del’apprendimento a distanza.  E’ da sottolineare inoltre che la formazione  online non potrà per alcuni corsi universitari, prendere il posto delle lezioni in presenza come nel caso della formazione sanitaria dei medici , degli infermieri  e di tutte quelle professioni dove la parte laboratoriale esperenziale è estremamente importante.

Main solution

Gli studenti hanno bisogno di sperimentare quello che stanno imparando, di cui leggono o sentono parlare in classe e devono integrare il  loro apprendimento con una parte fornita dai loro docenti e formatori  a distanza. Inoltre la formazione  e.learning aiuta il formatore o il docente in quei casi in cui lo studente per diverse difficoltà non può raggiungere l’istituto o la propria sede universitaria. L’oggetto principale del nostro studio è fornire tutti gli strumenti utili per apprendere e aggiornarsi, pur non sapendo  ancora  in che misura la tecnologia possa facilitare tale  processo.

Il problema non è solo l’esperienza dell’utente. UNITALIA ha studiato diversi programmi  open source online, noti come MOODLE, GOOGLE CLASSROOM ecc.

logo_moodle-600x148

Un Learning Management System (LMS),  sistema di gestione dell’apprendimento, è uno strumento essenziale per la didattica e l’apprendimento e permette l’erogazione dei corsi in modalità e-learning.

1ce1775bf30ac79559f019a758e98e4becab2e1a

Alcune piattaforme analizzate:

La prima proposta è Moodle, uno dei sistemi di gestione dell’apprendimento più diffusi e del tutto gratuito. Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l’apprendimento modulare, dinamico, orientato ad oggetti) è senza dubbio uno degli LMS open source più popolari, completi ed apprezzati. Include un sistema di amministrazione  facile,strumenti di monitoraggio dell’apprendimento dei discenti e anche del supporto multimediale.

 Moodle,  è probabilmente quella più famosa. Esiste dal 2002 ed è molto utilizzata in tutto il mondo.

È la piattaforma utilizzata da UNITALIA  per aggiornare i nostri aderenti , un sistema integrato in grado di creare degli ambienti di apprendimento personalizzati. Prevede vari pannelli dai quali è possibile scaricare i documenti, seguire lo studente e ricevere supporto multimediale. È possibile anche creare dei corsi ottimizzati per il mobile e integrare funzioni aggiuntive.  Moodle   offre tutti  gli strumenti di personalizzazione dei singoli corsi  che danno il vantaggio della libertà di modellare il sito a proprio piacimento.

Link utili: Download Moodle – Demo Moodle

ILIAS

ILIAS

ILIAS (acronimo di Integrated Learning, Information and Work Cooperation System) è stato rilasciato per la prima volta nel 1997 dall’Università di Colonia, in Germania. Nel 2000 è diventato open source sotto licenza GPL.

ILIAS può essere utilizzato come un gestore flessibile di corsi,come piattaforma di collaborazione e comunicazione. Per queste sue caratteristiche, è utilizzato in molte aziende, scuole ed università.

Link utili: Download ILIAS – Demo ILIAS

 

A nostro parere, un LMS dovrebbe avere  obiettivi importanti come quelli di favorire l’auto-apprendimento, il blended learning, l’active learning e la comunità virtuale di apprendimento.

Basandoci su queste caratteristiche, abbiamo scelto quelle LMS che non solo soddisfano tali requisiti, ma che offrono anche elevati standard di progettazione:

La scelta definitiva dovrà ovviamente dipendere dall’analisi delle requisiti richiesti, delle necessità formative da soddisfare e degli obiettivi didattici da perseguire.

FORMA-LMS

Forma LMS

Forma LMS è un fork di Docebo, che eredita la solidità di quest’ultimo ed implementa diverse caratteristiche migliorative rispetto a Docebo, in particolare per quanto riguarda la funzionalità, la stabilità e le prestazioni.

E’ un progetto totalmente italiano, manutenuto in network da 4 diverse aziende.

Forma LMS mette a disposizione tutti gli strumenti necessari per la gestione di utenti, gruppi e classi, permette la generazione automatica di certificati di frequenza, consente di vendere i propri corsi online, supporta il monitoraggio dell’apprendimento dei discenti .

Sicuramente è un LMS da tenere in considerazione  visto che è un progetto abbastanza recente (la prima versione di Forma LMS è  della fine 2013).

Link utili: Download Forma LMS – Demo Forma LMS

openolat_logo_72

OLAT

 Open OLAT è un software LMS svizzero, ampiamente diffuso e disponibile anche in forma completamente Open Source.
OLAT  consente di organizzare un corso di e-learning e assicurare la collaborazione tra gli utenti. Anche questa piattaforma dà la possibilità di valutare i progressi degli iscritti, pianificare le attività in agenda, ricevere notifiche email, archiviare file e ottenere certificati. L’aggiunta di nuovi utenti ai corsi è molto semplice ed è immediata la creazione di cataloghi di corsi. La piattaforma è compatibile a tutti i browser e risulta facilmente accessibile da ogni tipo di dispositivo.

 

Iphone 5S In Hand With Window Activation When Installing Ios8

 

C’è un grande dibattito in questo momento di crisi da Coronoavirus e l’istruzione superiore online è ora l’unica risorsa che abbiamo  e ci dobbiamo preparare in questo settore ancora non del tutto esplorato dagli istruttori ,professori, docenti on line.

Presidenza Unitalia

 

Formazione on line UNITALIA : Impresa 4.0 Puntare ed Investire su Formazione Innovazione e Digitale

Bisogna saper investire sulla formazione puntando sulle nuove Tecnologie per lo Sviluppo delle professioni e far crescere l’occupazione.  Dobbiamo cogliere le sfide di questo periodo dove vari decreti del governo ci costringono a casa e a usare la formazione a distanza  per formare e comunicare.  Operare nuovi investimenti nel settore della formazione  significa costruire una vera cultura dell’innovazione. Ma come?

Corso di Laurea in Mediazione Linguistica per una Formazione 4.0

Le Scuole di Mediazione Linguistica devono  puntare sull’innovazione e sul digitale e su nuovi investimenti per la formazione nel settore dell’impresa. Anche le Associazioni come UNITALIA  e Confassociazioni devono fare la loro parte aggiornando i professionisti con corsi e Master.

Serve innovare l’intera economia e per farlo occorre ancora di più  puntare sulla formazione ad ogni livello.

shutterstock_454863004

Lo spirito Impresa 4.0 è stato promosso dalle istituzioni:  si  tratta  di un lavoro  di incentivazione culturale all’ammodernamento delle imprese: con Industria 4.0 il Governo italiano sta cercando di intervenire sul tessuto delle imprese italiane (in gran parte piccole e medie) attraverso un sistema di incentivi con lo scopo  di contribuire all’innovazione e all’ammodernamento dell’intero sistema Paese.
Chi investe in tecnologia pur operando nei servizi o nel terziario avanzato può avere diritto alle risorse messe a disposizione come incentivi, e in questo modo è spinto a investire in tecnologie necessarie a competere nel nuovo mercato globale.

mainpictureimg14

Il caposaldo di Impresa 4.0 sarà il credito d’impostaper la “formazione 4.0“, che con la legge di Bilancio è a disposizione delle imprese che effettueranno una spesa incrementale in formazione.

impresa4.0

In ritardo sia l’esecuzione dei lavori per la posa della fibra ottica, sia i competence center“,  denominazione inglese che identifica i centri di competenza che dovranno mettere in sinergia università e imprese.

Secondo un rapporto della multinazionale di consulenza McKinsey, le nuove tecnologie digitali avranno un impatto profondo nell’ambito di quattro punti principali di sviluppo: il primo riguarda l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività, e si declina in big data, open data, Internet of Things, machine-to-machine e cloud computing per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione.

IL secondo è quello degli analytics: una volta raccolti i dati, bisogna ricavarne valore. Oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, dalle macchine cioè che perfezionano la loro resa “imparando” dai dati via via raccolti e analizzati.  Il terzo punto  di sviluppo è l’interazione tra uomo e macchina, che coinvolge le interfacce “touch”, sempre più diffuse, e la realtà aumentata.  Solo per fare un esempio la possibilità di migliorare le proprie prestazioni sul lavoro utilizzando strumenti per la formazione come i Google Glass.

Entro il 2020 si stima che il mercato delle tecnologie di sviluppo per la realtà aumentata e virtuale raggiungerà oltre i 150 miliardi di dollari di fatturato. Ma di cosa parliamo quando ci riferiamo a Augmented Reality? La realtà aumentata si può pensare come un sistema di grafica interattiva che permette di intervenire su un flusso di immagini video live, che modifica la realtà aggiungendo in real time contenuti e animazioni virtuali. Può essere dunque definita come una tecnica di realtà virtuale, attraverso cui si aggiungono informazioni alla scena reale. Questo processo avviene attraverso piccoli visori sostenuti, come i caschi immersivi, supporti montati sulla testa che permettono di vedere la scena reale attraverso lo schermo semitrasparente del visore (see-through), utilizzato anche per mostrare grafica e testi generati dal computer. 

Quali i settori in cui l’AR è maggiormente impiegata?

I settori interessati dalla crescita delle tecnologie di realtà aumentata saranno, secondo le stime di Goldman & Sachs, quello dei giochi che potrebbe raggiungere guadagni per oltre 11 miliardi di dollari con una platea di utenti di oltre 216 milioni di individui, seguito dal settore intrattenimento che complessivamente riguarderebbe una platea di 175 milioni di utenti per un mercato di circa 4,1 miliardi di dollari per gli eventi live e 3,2 miliardi di dollari per il video entertainment.

Nel prossimo decennio si stima che tutto l’ecosistema legato alle tecnologie AR/VR raggiungerà gli 80 miliardi di dollari (di cui 45 miliardi per l’hardware e 35 per il software).

Come la VR cambierà istruzione e turismo

Tra gli altri ambiti maggiormente influenzati da un crescente utilizzo di Realtà Virtuale e Realtà Aumentata, l’istruzione e il turismo sono quelli in cui gli italiani si aspettano i maggiori cambiamenti. Secondo il 55% degli early adopter la VR trasformerà le modalità di insegnamento e apprendimento nelle scuole, con spazi virtuali all’interno delle aule.

Queste nuove tecnologie daranno vita anche a un nuovo concetto di turismo: per il 21% degli italiani sarà possibile esplorare le destinazioni tramite mappe che integrano informazioni accessibili in Realtà Aumentata e per il 25% si potrà viaggiare virtualmente insieme ad altre persone.

ralta-virtuale-eni

Il tour operator Ancient & Recent propone un tour che permetterà a tutti visitatori del Colosseo di usufruire durante la visita culturale in compagnia di una guida turistica autorizzata, di una esperienza di visita virtuale, multimediale, multisensoriale completamente immersiva indossando dei Visori Samsung Gear VR che attraverso il sistema della realtà virtuale ed un software in multilingua che integra una ricostruzione storica 3D animata ed interattiva, porterà indietro nel tempo i visitatori.
I visitatori potranno camminare “live” nella piazza, ammirando la maestosa statua di Nerone, la Meta Sudans, il Tempio di Roma e Venere; all’interno dell’arena, tra il ruggito dei leoni feroci e i combattimenti dei gladiatori ed, infine, all’interno dei misteriosi sotterranei.
Una voce narrante in multilingua e sfondi musicali epici accompagneranno la visita.

colosseo_tour_virtuale630

Il cloud

Negli ultimi anni l’ascesa del cloud computing ha avuto un grande impatto sulle società. I settori più attivi nella cloudification sono il manifatturiero, le banche, telco e media, che fruiscono dei vantaggi del cloud utilizzando i servizi di gestione dell’advertising e delle infrastrutture, per esempio, per lo streaming video per supportare le attività.

Nell’era digitale, dunque, usufruire di servizi cloud  diventa indispensabile per tutte le imprese che si trovano a gestire un gran numero di dati e informazioni.

Alcuni esempi di cloud computing tratti dalla vita informatica quotidiana

Quando  navighiamo  su Google, digitando una  ricerca, in realtà stiamo usando delle soluzioni di cloud computing. Il  computer  invia la richiesta alla rete di una delle migliaia di cluster di computer di Google, che elaborano le informazioni cercando ciò di cui abbiamo bisogno e chiedono al  PC di visualizzare i risultati. Le operazioni più onerose vengono fatte da una macchina residente in California, a Dublino, a Tokyo o in una delle tante altre parti del mondo e si trovano a gestire un gran numero di dati e informazioni.

AAEAAQAAAAAAAAk2AAAAJGE4ZjJmZjJiLTczMGQtNGM4Mi1hZGVkLWZhNTJmYjBmYjc0Yg

Quale sarà il futuro dell’istruzione?

La realtà virtuale è sicuramente l’ultima grande innovazione tecnologica che si prepara a irrompere sul mercato.  Sono già tanti gli headset (nome tecnico che indica gli “occhialoni” che indosseremo per entrare nel mondo virtuale) sul mercato.
Oculus Rift è la console più attesa, che promette di rivoluzionare il mondo degli appassionati di videogiochi, permettendo loro di muoversi negli ambienti virtuali a 360°, con piena libertà e sperimentando una sensazione di totale immersione.
Ma la realtà virtuale non avrà ripercussioni solo per il mondo dell’intrattenimento, visto che già adesso si sta lavorando sui possibili risvolti per quanto riguarda l’informazione, i documentari, lo shopping e altro ancora. L’aspetto però forse più importante riguarda la possibilità che la realtà virtuale possa rivoluzionare il mondo dell’istruzione.

Pensate a una classe di studenti che, invece di studiare leggendo libri di testo e guardando le immagini, possa letteralmente viaggiare in uno spazio virtuale ricreato in tutti i dettagli. Assistere in prima persona alla costruzione delle piramidi, o muoversi liberamente per Parigi, Londra o Roma visitando i luoghi più suggestivi.
Tutto questo non è fantascienza, ma già realtà.  Gli studenti  del San Francisco Unified School District in California e delle Polk County Public Schools in Florida, che sono state dotate della console di realtà virtuale appositamente pensate per l’educazione, Nearpod. Secondo uno dei principali investitori dietro questo progetto, Brandon Farwell, l’utilizzo per l’istruzione di Nearpod rivoluzionerà l’educazione, consentendo di coinvolgere attivamente tutti gli studenti e rendendo molto più facile stimolare l’interesse e la curiosità anche degli studenti più distratti.

virtual-reality

Il costo di questi dispositivi non è elevatissimo (già oggi se ne trovano a poco più di 100 euro) e che moltissimi ragazzi li avranno già a casa per usarli come videogame, non è difficile immaginare che in un futuro forse non troppo lontano tutti gli studenti si recheranno nelle scuole inserendo nello zaino anche gli occhialoni per la realtà virtuale.

Nella foto un simulatore di realta virtuale

Google Classroom è un servizio gratuito per le scuole, le organizzazioni non profit e tutte le persone che dispongono di un account Google personale. Classroom permette a studenti e insegnanti di rimanere in contatto più facilmente, dentro e fuori dalle scuole. Inoltre, consente di risparmiare tempo e carta e semplifica la creazione di corsi, la distribuzione di compiti, la comunicazione e l’organizzazione.

I vantaggi di Classroom sono numerosi:
• Facile da configurare. Il docente  può aggiungere gli studenti direttamente o condividere un codice con lo studente per permettere  di registrarsi.
• Risparmio di tempo. Il flusso di lavoro , semplice e senza documenti cartacei, consente al docente di creare, rivedere e valutare rapidamente le esercitazioni assegnate.
• Organizzazione  efficace. Lo studente è in grado di visualizzare le esercitazioni in un’apposita pagina, mentre tutto il materiale del corso (come lezioni, documenti, foto e video) viene archiviato automaticamente in cartelle di Google Drive.
• Comunicazione migliorata. Classroom consente al docente di inviare annunci e di avviare discussioni con gli studenti in un attimo. Gli studenti possono condividere risorse tra di loro o fornire risposte alle domande nello stream.
• Convenienza e sicurezza. Come gli altri servizi di G Suite for Education, Classroom non include annunci promozionali, non utilizza mai i  contenuti postati o i dati degli studenti a fini pubblicitari ed è gratuito.

Infine c’è tutto il settore che si occupa del passaggio dal digitale al “reale” e che comprende la manifattura additiva, la stampa 3D, la robotica, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni.

Il futuro sarà della mediazione linguistica , della conoscenza delle lingue, delle tecnologie  digitali e della formazione avanzata e competitiva.

Il “Girotondo” durante il periodo della peste nera

Articolo di GUSTAVO LEGUIZAMON

file

“Ci siamo mai fermati a riflettere sul significato delle canzoni che canticchiavamo per ore gioendo di ingenui giochi infantili durante i lunghi pomeriggi della nostra spensierata fanciullezza?

Le canzoni costituiscono buona parte del coacervo culturale di una società e ne restituiscono una perfetta fotografia.

Le nostre abitudine diventano prima consuetudine ed infine diventano routine e senza rendercene conto arrivano a dare forma a larga parte della nostra quotidianità.
La quotidianità può portarci a perdere la prospettiva storica dell’essenza della musica popolare, ad esempio delle canzoni che cantavamo durante la nostra infanzia.

I girotondi, le corse e i balletti  rappresentano alcuni dei giochi preferiti dai bambini, al di là della loro etnia. L’origine di tali giochi risale agli albori delle civiltà umana. Il girotondo trova la  sua origine durante le nascita di religioni e si osserva sin dall’Età della Pietra.

Oggi giorno non è facile immaginare la quotidianità durante il Medioevo, quando le consuetudini erano ben diverse dalle nostre. Le cerimonie religiose e le feste erano eventi che si intendevano dentro un contesto di gruppo, così come le canzoni e i balletti. Le corse diventavano un tipo di danza collettiva che si imprimeva a lungo nella memoria.

Ecco, qui entrano in gioco i partecipanti più temuti: le epidemie che flagellano il mondo lasciando le loro tracce nelle canzoni infantili.

La morte è fortemente legata alla peste, alle pandemie e alle epidemie che colpiscono i popoli e che nell’immaginario collettivo hanno una stretta relazione con la colpa, la punizione e la volontà divina.

Per esempio, in Italia, il mostro della peste nera, che flagellò l’Europa nel XIV secolo (1347 – 1353), ha lasciato le sue ferite impresse nel gioco del “Girotondo”.

 

Il girotondo consiste nel darsi la mano e girare in cerchio, recitando una filastrocca. La più nota recita:

Giro giro tondo

Casca il mondo

Casca la Terra

Tutti giù per terra

Aiuto

All’ultima strofa ci si ferma e ci si accovaccia.

Nella versione spagnola di questo gioco, lì chiamata corro la patata (corsa a la patata) che diventa per il resto del mondo ispanico huevo podrido (uovo marcio).

Versione spagnola:

Al corro de la patata

comeremos ensalada,

lo que comen los señores

naranjitas y limones.

Achupé, achupé

sentadita me quedé.

Alla parola “achupé”, i bambini saltano in alto, prima di gettarsi a terra cantando l’ultima strofa.

Per Latinoamerica:

Jugando al huevo podrido

Se lo tiro al distraído

El distraído lo ve

Y huevo podrido es.

Significa che un bambino  è eliminato dal gioco.

Tale gioco nel mondo anglosassone si chiama Ring a Ring o’ Roses e la sua canzoncina è:

Ring-a-ring o’ roses,

A pocket full of posies,

A-tishoo! A-tishoo!

We all fall down.

Infine, la versione tedesca  somiglia molto alla italiana:

Ringel ringel reihen,

Wir sind der Kinder dreien,

sitzen unter’m Hollerbusch

Und machen alle Husch husch husch!

 

Alle Kinder setzen sich!

 

Quindi, non importa la lingua, l’etnia o la religione alla fine del gioco tutti si devono accovacciare e la peste li porta via.

Chissà se in un futuro prossimo avremo un nuovo gioco infantile che ricorderà, inconsapevolmente, l’epidemia di Coronavirus che siamo attraversando oggi”.

Fonte : https://jueguemosya.blogspot.com/2020/03/il-girotondo.html

 

Angelico,_giudizio_universale_ girotondo 

Leggenda o storia

Negli anni 1665-66, la popolazione di Londra venne colpita dalla Grande Peste. Le vittime furono oltre 100.000  . Si racconta che i genitori preoccupati dalla necessità di educare i bambini e abituarli all’idea che “tutti potessero morire”, lo fecero attraverso le parole di questa filastrocca. Sappiamo che una prima versione di “Ring-a-ring o’ roses” venne scritta nel 1881, ma si dice che una canzone simile girasse già in Europa nel 1790  giunta  a noi nelle sue numerose versioni.

 

Bellissima Festa di fine anno accademico stile anni 20 alla SSML San Domenico

Quest’anno la SSML San Domenico  ha festeggiato la fine dell’anno scolastico a tempo di jazz, a tema anni 20, con buffet, “red carpet”, premio per il miglior vestito, musica dal vivo, balli di gruppo e tanto divertimento. Non poteva esserci modo migliore per festeggiare la fine di un intenso anno di studio!

UNITALIA ha festeggiato insieme alle laureande, la prossima entrata come professioniste nelle attività dell’associazione.

La vincitrice Giulia Francescangeli, oltre ad essere una  grande ballerina, già conosciuta nell’edizione passata del Talent Show di fine anno è anche un’ottima studentessa piena di risorse . Non da meno sono le sue compagne di corso con lei nelle immagini di sotto.

 

 

 

 

Finalmente anche le SSML avranno la Laurea Magistrale LM 94:Pubblicato in G.U. il decreto sull’ istituzione dei corsi universitari di secondo ciclo per mediatori linguistici

Pubblicato in G.U. il regolamento recante modifiche al decreto 10 gennaio 2002, n. 38, per il riordino della disciplina delle scuole di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697, adottato in attuazione dell’articolo 17, comma 96, lettera a), della legge 15 maggio 1997, n. 127.

Nell’articolo 1 si legge che il regolamento si applica alle scuole superiori per
mediatori linguistici di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697.

Nell’art. 4  leggiamo che le Scuole Superiori per Mediatori Linguistici gia’ riconosciute ai sensi del decreto, e che hanno attivato corsi di studio di durata triennale da almeno sei anni, possono attivare previo accreditamento corsi di secondo ciclo di durata biennale.

I titoli di studio rilasciati all’esito dei corsi di secondo
ciclo sono equivalenti alle lauree magistrali della classe LM-94
«Traduzione specialistica ed interpretariato»

Il Decreto  è in vigore dal 19 giugno.

Finalmente dopo anni di attesa i nostri professionisti potranno continuare nelle loro sedi di formazione ed ottenere il titolo con le competenze desiderate , senza perdere tempo in altre sedi che non potranno  mai preparali alla professione di interprete di conferenza o traduttore per l’audiovisivo o altre professioni specifiche inerenti il mondo delle professioni in continua evoluzione.

Per saperne di più:

e-mail: bisirri@ssit.it

interpreting

 

Master in traduzione/ interpretazione settoriale online

Obiettivi:

La conoscenza approfondita di specifici linguaggi settoriali in materie di interesse internazionale in ambiti economici, giuridici, politici, scientifici e turistici, in una o più lingue straniere, rappresenta un ottimo biglietto da visita   per carriere professionali ad altissimo livello in contesti internazionali. Gli ambiti di occupazione in Italia e all’estero sono molteplici e vanno dalle istituzioni dell’Unione Europea, alle istituzioni italiane, agli uffici per gli scambi internazionali, alle aziende multinazionali, alle agenzie per l’organizzazione di grandi eventi, di convegni e di congressi,  agli enti pubblici e privati dei settori scientifici, accademici e culturali, alle associazioni e società internazionali, alle agenzie operanti nell’ambito della comunicazione, del marketing e del turismo, alle agenzie di stampa estera, alle amministrazioni locali, agli uffici di relazioni internazionali, alla pubblica amministrazione, agli enti preposti per il governo, agli enti preposti per la gestione pubblica, alle rappresentanze diplomatiche.

Il Master Professionale   mira a rispondere a precise necessità di formazione di traduttori/interpreti  che desiderano specializzarsi nella lingua di lavoro desiderata. I corsisti del Master saranno in grado di operare con piena padronanza della tecnica e dell’etica professionale, per servizi di : traduzione/interpretazione nei settori più richiesti dal mercato economico, politico, turistico, giuridico e scientifico.

Destinatari


Il Master Professionale è riservato a coloro i quali abbiano una laurea quadriennale vecchio ordinamento; una laurea di 1° livello conseguita in un paese comunitario o un titolo di studio equipollente con una conoscenza avanzata della lingua (livello minimo richiesto: B2 -framework europeo-). Il master si rivolge, inoltre, a professionisti del settore per la riqualificazione e l’aggiornamento. La prova di ingresso si svolgerà previo appuntamento online con il responsabile orientamento Master On Line  presso le risorse offerte dalla Piattaforma della sede scelta da UNITALIA tra le sedi  SSML aderenti AUPIU.

Metodo Didattico

Le lezioni  prevedono lezioni con esercitazioni pratiche on line sui maggiori linguaggi settoriali con traduzioni / interpretazioni da e verso la lingua straniera  e  si svolgeranno completamente on line.

 

Procedura iscrizione master e corsi on line

Stage e tirocini

Parte integrante delle lezioni  sono i tirocini on the job. I tirocini rappresentano un momento  di verifica delle capacità acquisite nonché l’opportunità di costruire reti di contatti in seno al mondo lavorativo. Ad UNITALIA e  ad AUPIU si rivolgono Enti, Istituzioni, Imprese per ricerca di personale nonché per l’aggiornamento professionale delle proprie risorse umane e per l’organizzazione di congressi,convegni e traduzioni.  International Campus è il partner che si occupa del training dei tirocinanti e dell’inserimento delle nuove risorse umane.

Parte conclusiva del Master
Verifiche Finali on line