Come iniziare un blog per comunicare e diventare un blogger professionista

1-21

Cominciamo col dire che si inizia con difficoltà aprendo un Sito/blog gratuito,ma poi arriva il piacere, la gioia di poter comunicare potendo e volendo con il mondo, pubblicizzando la propria attività . Ma possiamo scrivere di tutto?

Dipende ?

Se voglio promuovere la mia professione allora mi devo concentrare su quello che so fare e che voglio vendere , proporre per ottenere incarichi e lavoro. Chi è il mio possibile pubblico , chi sono i miei acquirenti ?

Solo un piccolo esempio:

Sono e voglio avere successo come interprete? Bene allora devo concentrarmi su questa professione.Un piccolo esempio:

Chi sono

Scrivere un breve profilo di se stessi

Creare un canale YouTube dove postare i propri video e mettere i link al proprio blog

Ma  attenzione siete preparati a fare più di una professione quindi attenzione a non concentrarsi solo su quello che piace fare e non su quello  che è più richiesto  per non rischiare di  avere una vita mediocre.

Sappiamo che la vita del traduttore è più difficile di quella dell’interprete

quindi diversifichiamo e tanto più saremo capaci di guadagnare e vivere bene.

Ad  esempio conosciamo le lingue ed amiamo viaggiare e allora diventiamo travel blogger, in più siamo sempre mediatori linguistici, interpreti e traduttori e proponiamo le nostre professioni.

Si parla in questo caso di “travel blog”, il blog di viaggi. Il tema principale ma non solo è il viaggio, sul blog troviamo luoghi visitati  con foto consigli,condivide racconti, consigli, foto e video con tutti coloro che condividono la  stessa passione. Potrete anche diffondere la professione di traduttore come ad esempio tradurre siti web, guide di viaggio, fare video su località interessanti da visitare ,mettere i sottotitoli o doppiarli in inglese.

Non basta però aprire il proprio blog di viaggi o promuovere la propria attività su una piattaforma gratuita e iniziare a scrivere. Bisogna acquisire quelle competenze necessarie affinché il blog raggiunga più persone possibili e poi saperlo commercializzare.

Bisogna quindi conoscere quali plugin implementare, le tecniche SEO per arrivare nella prima pagina di Google, le regole di scrittura per il web, bisogna sapere analizzare i dati dei visitatori tramite Google Analytics e conoscere tutti i segreti dei social network affinché attorno al blog si crei una community di viaggiatori interessati agli argomenti trattati dal travel blogger.

I Social network

Tra i social network a cui dedicare maggiore attenzione oltre a Facebook    puntiamo su Instagram,  il social perfetto per diventare un  blogger di successo.

È proprio la foto di un luogo che ci ispira a intraprendere un viaggio o un abito che indossiamo o che viene indossato che stimola anche solo la curiosità nel saperne di più  su quel luogo e quel marchio.

Non bisogna essere dei fotografi professionisti per avere successo su Instagram. Ovviamente bisogna avere delle conoscenze di base, essere creativi e saper scegliere il momento giusto che valorizzi il proprio scatto.

Un travel blogger, come del resto il blogger di qualsiasi altro settore, ha diverse strade per perseguire un guadagno.

Vi sono varie possibilità di trasformare la  passione per i viaggi o quello per la moda , per la cucina o tante altre passioni in un lavoro. La prima è quella che riguarda le inserzioni pubblicitarie sul proprio blog. Sto parlando dei banner, le immagini o strisce posizionate in varie parti del sito web che contengono un chiaro ed esplicito messaggio pubblicitario.

Chi punta a questo genere di guadagno deve avere come obiettivo principale quello dell’aumento del numero dei visitatori, lavorando molto sulla SEO (Search Engine Optimization), cioè sul posizionamento sui motori di ricerca.

Professione Blogger 

La prima regola è quella di scegliere un tema di interesse e che può fare la propria fortuna.
Pete Cashmore è lo scozzese che ,partito nel 2005 senza soldi, ha realizzato uno dei blog più potenti della rete. Mashable  con i suoi 560mila dollari al mese  , guadagnati grazie ai suoi banner pubblicitari è il secondo blog più redditizio del mondo. Mashable si occupa di notizie e scoop sul mondo della tecnologia e dei social media . 
Pete era  giovanissimo quando ha iniziato ,il suo blog ha oggi più di 40 milioni di pagine visualizzate al mese ed è uno dei  più influenti al mondo.
Proprio i Social Media  hanno un ruolo della massima importanza per rendere popolare un blog . Mashable ha 2,3 milioni di follower su Twitter e più di 500mila iscritti alla pagina di Facebook.
Mashable oggi è una grande azienda con più di 40 dipendenti in  sedi diverse. Pete Cashmore ha saputo investire nel suo futuro . Il segreto del suo successo è quello di aver fatto tanta promozione al suo blog: ha organizzato eventi, feste e conferenze.

DSC01615-horz

Da dove vengono gli introiti di un Blog

La maggior parte dai banner.Seguono altre forme di pubblicità: Cpm(costo per 1.000 visualizzazioni) e Cpc(costo per clic), la creazione di un’area riservata a pagamento e la vendita di prodotti e servizi.Ma il segreto sta nell’usare il blog come strumento a supporto di un’attività imprenditoriale .
Onibalusi Bamidele è nigeriano aveva  soli 17 anni quando ha iniziato e  guadagna più di 5mila dollari al mese con un blog rivolto ai neo imprenditori. Si è costruito un nome pubblicando centinaia di post su alcuni dei blog più influenti sul tema del fare soldi con internet. youngprepro vuole insegnare come creare un blog di successo concentrandosi sulla sua specialità: il guest blogging,ovvero farsi ospitare con interventi su blog autorevoli per  aumentare la reputazione e il traffico sul proprio blog. Ha studiato ed imparato il guest blogging in cui il blogger spiega che tipo di post apprezza e quali sono invece poco apprezzati al punto da non venir pubblicati. The ultimate guide to guest blogging  è stata scaricata da migliaia di utenti.

Il Segreto ?

Per diventare un blogger di successo ci vuole passione, competenza e tenacia.
La passione dà la sicurezza per non arrendersi. Le competenze ti guidano a fare le scelte giuste . La tenacia non ti fa smettere fino a quando non hai raggiunto i risultati.
Alcuni esempi di successo che hanno prodotto lavoro:
Rome driving tours
Your tour in taly

fash0

 FASHION BLOGGER 

Sono pochi coloro che si occupano di fashion blogger , c’è poca concorrenza, quindi ne consegue che ci sono ancora molte possibilità di poter investire in questo settore. Per iniziare la carriera di fashion blogger prima di tutto è necessario creare un blog, attraverso WordPress.com o Blogspot.com. Molto importante sarà il nome che si darà al diario virtuale e soprattutto la grafica che dovrà essere accattivante, seducente, ma anche pulita e soprattutto personale.  L’ideale, per poter ottenere un notevole numero di followers, potrebbe essere quello di pubblicare un outfit al giorno, indicando il costo e la marca indossata. Si dovrà curare molto le fotografie che si pubblicheranno sul  blog: dovranno essere scatti curati, nitidi, grandi e luminosi.

Possedere anche notevoli conoscenze in ambito informatico, per rendere il proprio fashion blog attraente e ricercato. È necessario, quindi, conoscere i trucchi dei motori di ricerca (SEO) per fare in modo che il proprio blog compaia nelle prime pagine di ricerca su Google, quando si cerca un vestito o una borsa alla moda. È fondamentale usare le giuste parole chiave e pubblicizzarsi sui social network attraverso una pagina Facebook e un’utenza Twitter create appositamente. L’uso della lingua inglese, inoltre, aumenta la possibilità di portare più click al proprio portale.

Più visite vi saranno, più possibilità avrete di poter essere pagate da un’azienda per la pubblicità che sarete in grado di farle con i vostri post “alla moda”. Se i contatti aumenteranno di settimana in settimana, molto probabilmente inizieranno ad arrivare anche i primi buoni acquisto spediti da marchi intenzionati a raggiungere il pubblico del nuovo blog. Infatti, le migliori fashion blogger italiane ricevono inviti alle sfilate più prestigiose, vestiti in regalo e banner del valore di 3mila euro al mese. Tra le fashion blogger italiane che sono riuscite a trasformare la propria passione per la moda in un vero e proprio lavoro troviamo:

Chiara Ferragni,  è la fashion blogger più famosa d’Italia. Il suo theblondsalad.com ha 90mila contatti al giorno (il 65% all’estero). Nei primi sei mesi dalla nascita del blog ha avuto un fatturato di 50mila euro. I banner pubblicitari sul suo sito vengono venduti anche per 3mila euro al mese.

Virginia Varinelli, 27 anni, laurea alla Bocconi, è l’ideatrice di uglytruthofv.com, che ha 13mila contatti al giorno. Virginia dedica 4 ore al giorno al suo blog.

Nicoletta Reggio, 25 anni, ha creato scentofobsession.com. Il suo guadagno è di 800 euro al mese a cui si aggiungono i buoni acquisto che le vengono inviati in omaggio dai siti di shopping online. Il primo buono le è stato spedito da un sito svedese dopo 4 mesi dalla nascita del suo blog.BORSAENTRà

Ecco alcuni consigli utili per diventare delle affermate fashion blogger. Prima di tutto è necessario  imparare ad osservare il lavoro altrui, per scoprirne i trucchi e i segreti. In secondo luogo, cercare di prendere parte agli eventi di moda più importanti come ad esempio la fashion week di Milano. Nell’occasione si  cercherà di scattare più foto possibili e postatele sul  blog, in tal modo i lettori  vi seguiranno costantemente.  E’ consigliabile avere gusti nella norma, che rappresentino il modo di vestire della maggior parte delle ragazze.

Per diventare  affermati fashion blogger è necessario, inoltre possedere  importanti qualità: prima tutto bisogna essere competenti, sempre informati sulle nuove mode e sui nuovi trend, ma soprattutto cercando di scovare le nuove tendenze prima che diventino troppo popolari. Occorre poi proporre il proprio personale stile, senza però essere troppo fuori dalle tendenze della moda. In secondo luogo, bisogna essere puntuali, aggiornando spesso il proprio blog con novità importanti.  Altra qualità è quella di saper scrivere in modo semplice, fluido e frizzante, cercando di non dilungarsi troppo, ma allo stesso tempo, descrivendo in modo personale ed originale le ultime tendenze di moda.

food-blogger-pro-post 

FOOD BLOGGER: LA BUONA CUCINA ITALIANA

 

Una delle professioni che ultimamente sta spopolando anche in Italia è quella del food blogger.

Per poter diventare un bravo food blogger è necessario prima di tutto aprire un proprio diario virtuale, nel quale inserire delle ricette originali oppure recensire quelle assaggiate in ristoranti e agriturismi  , oltre a suggerire il modo migliore per cucinare o per fare acquisti. E’ indispensabile inoltre, avere delle buone conoscenze nel settore  dell’informatica applicata e conoscenze  SEO. In secondo luogo, è necessario possedere una buona macchina fotografica ed una buona conoscenza dell’arte fotografica, al fine di realizzare abilmente foto ed immagini  che presentino il piatto in modo accattivante, così da far venire l’acquolina in bocca a chi sta cercando sul web una specialità da preparare in cucina.

E’ consigliabile inoltre, creare un proprio personale brand, una specie di marchio che vi contraddistingua e vi faccia emergere  rendendovi unici.  Indispensabile è cercare di aggiornare il proprio blog quotidianamente con ricette e recensioni, al fine di aumentare il proprio numero di followers. Tutti i lavori devono essere diffusi su Facebook e Istangram,Twitter o Pinterest, il social network che sembra fatto apposta per i food blogger: se una foto piace è condivisa in pochissimo tempo.  Bisogna anche creare un canale YouTube per avere un gran numero di visualizzazioni e far crescere  il proprio sito/blog.

Per diventare dei bravi food blogger non serve un determinato titolo di studio, è necessario solo possedere nozioni di cultura generale, saper scrivere, saper cucinare, ma soprattutto essere costanti nell’aggiornare il blog e nel rispondere ai propri lettori: i commenti sono molto importanti e interagire con i propri lettori è un’altra chiave del successo. Un consiglio: potete anche sottolineare le parole chiave all’interno del vostro articolo per rendere più semplice la ricerca ai vostri lettori oppure creare un pulsante di ricerca  per mezzo del quale i  lettori possono cercare una ricetta o altro. Potrete anche inserire un elenco di tutte le ricette scritte, raggruppandole in base alle caratteristiche comuni.

Questi di seguito sono alcuni dei blog italiani più seguiti:

Fatto in casa da Benedetta Food blogger italiana  Benedetta è la fortunata fondatrice del suo blog  ed è senza alcun dubbio la Food Blogger Italiana del momento.

Giallo Zafferano ideato da Sonia Peronaci, è il sito di cucina più famoso d’Italia. Ha 400 mila utenti unici e 1,3 milioni di pagine visitate ogni giorno.

Il Cavoletto di Bruxelles di Sigrid Verbert, è un must per gli appassionati di cibo. Il suo blog arriva a toccare oltre 10mila visite al giorno.

Sorelle in pentola è il blog che Chiara Maci, la food blogger italiana più apprezzata

 

L’importanza di una buona conoscenza delle lingue per chi desidera lavorare all’estero.

an-infographic-profile-of-the-modern-travel-b-L-9g6_6Q

Travel Blogger

Il fenomeno è crescente In un mercato, come quello italiano, dove la prima fonte di informazione turistica risulta essere la Rete (55%), il loro ruolo è sempre più importante.  Nel mondo anglosassone, i travel blogger utilizzano un approccio più commerciale.  Centinaia di blogger di viaggio provenienti da tutto il mondo, si sono incontrati  proprio in Italia, a Perugia, per il meeting annuale dell’associazione Travel Bloggers Unite (www.travelbloggersunite.com).  L’Umbria ha “vinto” su Valencia, l’altra candidata a ospitare l’appuntamento . Per tre giorni, sotto l’ala protettrice del fondatore del gruppo Oliver Gradwell, si sono confrontati su come fare business insieme, hanno frequentato workshop per realizzare video più accattivanti e hanno incontrato anche il guru della fotografia Steve McCurry. Poi sono partiti invitati dalla Regione Umbria alla scoperta delle sue bellezze, da Norcia a Spello e Assisi, per poi raccontare le loro esperienze nei loro diari in Rete. Anche la Toscana, l’Emilia Romagna e il Trentino hanno capito l’importanza della comunicazione turistica 4.0.  Un team di blogger selezionati ha partecipato al tour “Activity and wellness”, dal 21 al 24 giugno, negli hotel del benessere della Val di Sole e dintorni.

LA PIATTAFORMA e il SEO
La prima mossa da fare è scegliere la piattaforma di pubblicazione. Ne esistono diverse, ma le più utilizzate sono blogger di Google e WordPress: nella lista dei migliori blog di viaggio pubblicata su Wired.it, quest’ultima si conferma la piattaforma preferita dai travel blogger. Con WordPress si può creare un blog “preconfezionato” a costo zero o acquistare uno spazio da costruire come volete (per 18-25 $ all’anno).

Per inserire url, tag, titoli e descrizione Seo e parole chiave all’interno dell’articolo (tutto ciò che Google legge per dare i risultati di ricerca), la regola base da tenere a mente è:

Come cerco ciò di cui voglio scrivere su Google? Rispondendo bene a questa domanda, il gioco è fatto. Per sapere quali sono le parole più cercate sulla rete ci sono Google Trends e Google Adwords. Potete provarli: c’è da passare un po’ di tempo  nello scoprire  quello che  si vuole sapere da Google.

Scrivere Storie

Individuare l’argomento, non uscire dal tema, dare informazioni, non usare parole troppo ricercate, usare una sintassi facile con frasi brevi (come fa Mary Morris sul suo blog) e non essere prolissi. Tutto questo è  molto importante, ma potreste trovare persone più interessate alle vostre foto o ai vostri follower piuttosto che alla perfezione degli articoli. Può essere il luogo che avete visitato o foto che avete scattato.  Bisogna farsi riconoscere e sviluppare uno stile proprio. Infine,  scrivete anche in inglese avrete molto più visite !

Postate foto e video

 

Dopo aver scritto una storia,   postare sul blog foto e video. Se volete avere una visibilità  dovete pubblicare il meglio che avete. Una brutta foto è  peggio di un testo scritto male. Se usate app per modificarle (per lo smartphone o sul computer), come Snapseed o Photoshop, state attenti a non strafare, perché il risultato potrebbe essere una foto con colori troppo innaturali. Sarete vincenti se troverete foto con panorami mozzafiato. Se volete girare video perchè non seguire  la bogger newyorkese Kelley Ferro: nella sua rubrica A New York Minute recensisce i ristoranti della Grande Mela, mentre sul suo sito raccoglie video di viaggio da tutto il mondo.

Condividere

 

Condividere i contenuti pubblicati sul blog è indispensabile per aumentare la vostra visibilità.  Twitter ,Instagram e Facebook, l’importante è essere social La felicità è vera quando si condivide.

 Sapere cosa si scrive

Il  blog non è una testata giornalistica. Lo ha stabilito di recente la Corte di Cassazione, assolvendo per insussistenza del fatto il giornalista Carlo Ruta, autore di un blog che era stato condannato per il reato di stampa clandestina. Questo significa che non dovete preoccuparvi di registrare il vostro blog in un Tribunale, ma fate comunque attenzione a quello che scrivete perché in Italia la materia è ancora molto incerta. Se volete quindi evitare fastidi di ogni genere ,da mail di protesta all’ accusa di diffamazione, controllate sempre l’esattezza di quello che scrivete e non date mai per scontate informazioni trovate sul web, fate ricerche accurate  e ben documentate. Criticate una compagnia aerea o l’accoglienza di un albergo se volete, ma fornite valide motivazioni.

Calcolare la propria Influenza

Gli strumenti più immediati per calcolare coloro che visitano le vostre pagine sono il contatore visite (si installa su WordPress grazie a un plugin) e Google Analytics. Tra i vari strumenti che calcolano il vostro successo sui social network c’è Klout, che elabora alcuni dati presenti sulle vostre pagine social e vi restituisce uno score compreso tra 0 e 100. Da 60 punti in su potete considerarvi già abbastanza influenti. Ovviamente, potete farvi un’idea dell’influenza di un blogger anche soltanto dal numero di “mi piace” su Facebook e dal numero di follower su Twitter.

Creare Lavoro

Per avere informazioni su quello che succede nel mondo del turismo, per ricevere comunicati stampa, inviti ad inaugurazioni di hotel o a viaggi stampa o a convegni di blogger, dovete farvi conoscere, primi fra tutti ad enti del turismo e agenzie di comunicazione specializzate in viaggi (Martinengo, Goup, Adam, Open Mind). Più siete convincenti e più ampio è il vostro bacino di follower, tanto maggiori saranno le possibilità che qualcuno vi chiami. Mandate mail, usate il telefono, costruite un’agenda di contatti.

Guadagnare con il blog

Se create un blog con l’idea di guadagnare  con la pubblicità vi sbagliate. Sono pochi i  blogger che ci riescono e quasi tutti lavorano per il mercato anglosassone, dove la possibilità che una società si accorga di un blogger e lo sponsorizzi è molto più alta che in Italia. È quello che è successo a Kash Bhattacharya, che ha creato Budget Travel un blog, focalizzato sulle mete cheap and chic, in particolare gli ostelli di lusso. Volano anche più alto Johnny Jet , che valuta spa e alberghi da New York a Bali  e Melvin Boecher, che con il suo Traveldudes è  uno dei più seguiti blogger di viaggio al mondo.

PIÙ VISITATORI AVRAI E PIÙ ALTI SARANNO I GUADAGNI

Un’altra forma di guadagno è quella che riguarda le affiliazioni, ovvero degli accordi con società varie che pagano una percentuale in base al venduto. Mi viene in mente ad esempio Amazon: affiliandosi con questo colosso della distribuzione si percepisce una percentuale in base alla vendita di determinati prodotti che possono essere guide di viaggio, libri, valigie  o qualsiasi altro prodotto giri intorno a questo mondo.

MEGLIO PERDERE GUADAGNI CHE LA REPUTAZIONE, COSA CHE VALE SEMPRE SPECIE PER UN  BLOGGER

Ci sono poi altre modalità di guadagno anche molto diverse tra loro. Una di queste è quella di “rivendere” le proprie competenze e conoscenze ad altri portali   scrivendo articoli per loro. Chi è abile nella produzione di video può rivenderli a vari committenti e chi sa scattare belle fotografie può rivederle a siti o a testate giornalistiche.

Se siete creativi  e sapete scrivere, si può guadagnare scrivendo eBook e poi rivenderli tramite il proprio blog di viaggi, si possono realizzare e vendere gadget, si può fare formazione in base alle competenze informatiche acquisite  e si può partecipare anche a campagne di comunicazione. Ma non solo… si può fare molto di più …

Buon Lavoro

Letteratura e Coronavirus : teorie complottistiche o esperimenti sfuggiti di mano?

Ormai non si fa che parlare del Coronavirus, della sua virulenza, qualcuno azzarda un complotto, e poi ci sono opere letterarie e programmi tv che anni prima sembrerebbero aver previsto quanto sta accadendo attualmente.

Esistono numerose ipotesi, teorizzazioni e congetture indimostrate e più o meno fantasiose,  sostenute da piccoli gruppi complottistici spesso in conflitto interpretativo . Quella del New World Order farebbe parte di una teoria del complotto molto vasta ed articolata che si fonda su una possibile  collusione fra il commercio e la politica, l’economia, un ipotetico “governo segreto”, insabbiamenti, fino ad arrivare  a teorie estreme e molto  spesso ritenute fantascientifiche come quelle di David Icke.

Altro caposaldo delle teorie di Icke è l’idea che il mondo sia sotto il controllo di un governo segreto.

Nel 1996, nel suo libro … and the truth will set you free (e la verità vi renderà liberi), ha affermato che il governo era finanziato da banchieri e affaristi come i Rothschild e Rockefeller.  Secondo il

giornalista inglese Simon Jones, Icke affermò che:

«La gente comune è indotta in massa a credere che la normale causa degli eventi del mondo siano le conseguenze di forze politiche note, o eventi casuali e incontrollabili. Tuttavia, la storia dell’umanità è manipolata ad ogni livello… Ora potreste chiedervi fino a quali terribili attività questa gente possa arrivare. Icke ha la risposta. Questi individui organizzano incidenti in tutto il mondo, che poi richiedono una risposta dall’opinione pubblica ( del tipo bisogna fare qualcosa), e in cambio permettono a questi potenti di fare qualsiasi cosa questi abbiano desiderato fare sin dall’inizio
(Dichiarazioni di Icke a Simon Jones

 

In ben due episodi  dei Simpson troviamo la previsione riguardante il COVID-19.

Nell’episodio 21 della stagione 4 della famosa serie de I Simpson , raccontano di un virus diffusosi dall’Estremo Oriente e giunto a Springfield tramite un pacco postale dopo essere stato investito dagli starnuti di un lavoratore asiatico.

Incuriosisce un libro scritto nel 1981, un romanzo distopico che narra  un futuro dove un virus mette in  pericolo  l’umanità. Dean Koontz , romanziere statunitense  nel suo libro Eyes of the Darkness ha descritto la diffusione del virus in maniera fin troppo dettagliata.

Il romanzo dell’americano Dean Koontz, del 1981, parla di un virus mortale chiamato Wuhan-400.

Inizialmente nel 1981 il romanzo fu ambientato in Unione Sovietica diventata poi  Russia 11 anni dopo. Il virus prese il nome della città da dove era partito Gorki – 400. In seguito, precisamente nel 1996, l’autore  ambientò il racconto in Cina e precisamente nella citta di Wuhan modificando, ovviamente, anche il nome del virus in Wuhan – 400. Le pagine di Koontz sembrano discostarsi  dalla realtà contro cui stiamo combattendo.

Il romanzo si riferisce infatti ad un virus, messo a punto in un laboratorio segreto vicino al capoluogo della provincia di Hubei, per creare una terribile arma  batteriologica, con un tasso di mortalità del 100 per cento. Lontanissimo insomma dal tasso di letalità del coronavirus. Tuttavia ci fa riflettere dato le ultime notizie rilasciate da stampa e telegiornali e passate come notizie non vere anche dagli scienziati interpellati per smentire tali notizie.

Il servizio del TGR Leonardo del 16 novembre 2015 parlava di esperimenti di laboratorio su Coronavirus.

 

Ora, è vero che in quel luogo della Cina esistono davvero dei laboratori di ricerca, come il Centro per il Controllo delle Malattie di Wuhan (WHCDC), ma è troppo poco per ipotizzare che il coronavirus non provenga da un animale ma dalla ricerca a fini militari.

Il Wuhan National Biosafety Laboratory è una struttura dove vengono studiati gli agenti patogeni più pericolosi al mondo e c’è chi sospetta che il virus possa essere “sfuggito” da lì.

 Secondo quanto riporta  Dagospia, nel Paese asiatico, l’unico laboratorio capace di soddisfare gli standard di sicurezza richiesti per studiare il 2019-nCoV si troverebbe proprio nel centro di Wuhan.

Il Wuhan National Biosafety Laboratory, è ospitata presso l’Accademia cinese delle scienze ed è stata pensato per aiutare scienziati e ricercatori cinesi a “prepararsi a rispondere a futuri focolai di malattie infettive”. Secondo quanto riportato dal quotidiano, la struttura sarebbe nata in collaborazione con la Francia, nel 2003 quando scoppiò l’epidemia di Sars, che uccise centinaia di persone.

I laboratori che lavorano e gestiscono agenti patogeni sono classificati con un punteggio da 1 a 4 in base alla classe di microbi di cui dispongono e si occupano. Il punteggio più basso indica il rischio minore, mentre il 4 rappresenta il pericolo più alto. Il laboratorio  di Wuhan è classificato al livello di biosicurezza 4 (BSL-4), proprio perché in quella struttura sono studiati gli agenti patogeni più pericolosi al mondo.

Nell’ottobre del 2019, un mese prima che si scatenasse il coronavirus in Cina, epicentro la città di Whuam, il Johns Hopkins Center for Health Security, strettamente collegato al National Institutes of Health (L’Istituto Nazionale della Sanità Usa), ha simulato lo scenario derivante da una pandemia da coronavirus.

Partner di questa simulazione, chiamata Event 201, la Bill & Melinda Gates Foundation e il Word Economic Forum.Il Johns Hopkins Center for Health Security è stato letteralmente bombardato di richieste sull’evolversi della situazione attuale, dato che la simulazione prevedeva che il virus avrebbe causato “65 milioni” di vittime

Fonte:https://www.nogeoingegneria.com

 

Niccolò Ammaniti immagina un futuro inquietante  ambientato in Sicilia, nel 2020, dopo la diffusione inarrestabile dell’epidemia causata da un virus che uccide tutti gli adulti.  Solo i bambini sono sopravvissuti perché il virus, col quale tutti sono venuti in contatto, rimane in forma latente sino a quando pure loro, crescendo ne verranno colpiti. Anche loro quindi sono destinati a morire, come è già successo ai genitori ed a tutta la popolazione adulta.

La protagonista del romanzo  si chiama Anna ,come il libro ed è una ragazzina di tredici anni.  Pubblicato cinque anni fa da Einaudi sta diventando una serie tv per Sky. Le riprese sono partite il 17 ottobre 2019, lo scrittore è alla regia .La trama ricorda in maniera agghiacciante l’epidemia di coronavirus in corso nel mondo.

Il mondo di cui parla «Anna» è un mondo popolato da soli bambini, gli unici che non vengono contagiati dalla misteriosa Rossa, una peste che a differenza di altre malattie resta latente fino all’età della pubertà. Proprio come il coronavirus che finora sembra risparmiare i bambini, come la Sars. Altra coincidenza: il romanzo di Ammaniti è ambientato proprio nel 2020.

Quello che   racconta è terribile,   uno scenario simile a quello di oggi , difficile da immaginare  si possa verificare  nel nostro paese.  E’ sconvolgente quanto sia   la nuova epidemia  simile ai fatti  descritti nel libro: la lotta per la ricerca del cibo, il «quaderno delle cose importanti» che la madre di Anna le ha lasciato per affrontare il mondo dopo la sua morte, la speranza di raggiungere il Continente. Senza elettricità, senza tecnologia, senza scambi commerciali, i piccoli protagonisti cercano di cavarsela con il baratto, la caccia, la battaglia quotidiana con gli animali randagi. Un romanzo che trascina il lettore, che inseguendo le avventure di Anna e del suo fratellino spera disperatamente che ci sia un lieto fine,ma come molti libri di Ammanniti, il lieto fine non c’è. Noi invece lo desideriamo, siamo fiduciosi !

E poi ci sono anche dei film come  Contagion  che descrive una pandemia passata dalle bestie agli umani e dilagata da un capo all’altro del Pianeta e  Virus letali che fanno riflettere. Film come Virus letale (del 1995), con Dustin Hoffman, o serie tv come The Walking dead, di Frank Darabont. Resident Evil, Io sono Leggenda, World War Z, Lesercito delle scimmie , ma anche La strada, tratto dal bellissimo libro di Cormac McCarthy.

La medium Sylvia Browne scriveva che “entro il 2020 gireremo con mascherine e guanti per via di un’epidemia di polmonite”. Le “profezie di Sylvia Browne, accreditata di doti medianiche fin da bambina, e collaboratrice degli investigatori in oltre 100 casi di sparizioni e omicidi. La medium morta in California nel 2013, aveva scritto  come ha documentato Il Fatto Quotidiano . Il tutto nel libro uscito nel 2008, End of a days. Nella pagina 210  si legge quanto segue:

Entro il 2020 diventerà prassi indossare in pubblico mascherine chirurgiche e guanti di gomma a causa di una epidemia di una grave malattia simile alla polmonite, che attaccherà sia i polmoni sia i canali bronchiali e che sarà refrattaria a ogni tipo di cura. Tale patologia sarà particolarmente sconcertante perché, dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, quasi in maniera più sconcertante della malattia stessa improvvisamente svanirà con la stessa velocità con cui è arrivata, tornerà all’attacco nuovamente dopo dieci anni, e poi scomparirà”

Lo speriamo veramente  e le sue parole sono consolatorie visto che in estate,secondo la  scrittrice e medium, il virus dovrebbe sparire. Ed anche se dovesse tornare tra 10 anni  e speriamo che non avvenga, poi non farà mai più parlare di sé.

Il cinema e i libri di un certo tipo meglio prenderli come il frutto della fantasia . Spesso sembrano effettivamente anticipare gli eventi, ma probabilmente si tratta di pure coincidenze e non di profezie, come qualcuno vorrebbe far credere. Anche se… incuriosiscono e fanno riflettere.

The next outbreak? We’re not ready | Bill Gates

 

La cultura nel Settecento tedesco tra l’illuminismo e il pietismo:Lessing “Emilia Galotti”

Di Marino Freschi

Lezione 3°

 

lutero

 

Nei materiali SOB 2020-1 e SOB 2020-2 abbiamo richiamato alla memoria notizie sul quadro storico-culturale della Germania e ci siamo soffermati sull’importanza di Lutero: la sua traduzione della Bibbia rappresentò un evento ‘fondativo’ dell’unificazione linguistica della Germania, anche se influenzò soprattutto le parti protestanti del paese (soprattutto –ma non esclusivamente- la Germania Settentrionale e Orientale).

Ci siamo concentrati sulla cultura tedesca del Settecento quando gli intellettuali sulla scia della diffusione in tutta Europa dell’Illuminismo presero vieppiù le distanze dal primato della religione nella vita e nella cultura interessandosi sempre alla scienza, all’economia, ma anche al progresso dell’istruzione. Ricordiamo che grazie all’azione dei pastori luterani l’alfabetizzazione nei paesi protestanti era molto avanzata.

La lettura della bibbia e dei testi religiosi era molto diffusa e il passo successivo, sollecitato dalla cultura razionalista propagandata dagli illuministi, fu rappresentato dalla rapida espansione di una letteratura ‘laica’ (non confessionale). Si è notato che la Germania del Settecento presenta una cultura vivificata da due grandi correnti culturali: quella dell’illuminismo e quella pietistico-luterana. L’Illuminismo tendeva a “rischiarare” (in tedesco: aufklären) le coscienze. Come?  Con lo studio, con la logica, con la ragione e il razionalismo. Che significa? Ciò significava l’avanzata irruente del progresso della scienza (ad esempio della medicina e dell’igiene, dell’agricoltura, della tecnica).

In Inghilterra verso la metà del secolo si avvia la Rivoluzione Industriale, che cambiò il destino del mondo. Un’ulteriore conseguenza fu che l’Illuminismo significava anche lo sviluppo della classe borghese che promuoveva il progresso tecnico-scientifico e inoltre tendeva ad avere sempre maggiori riconoscimenti in un’epoca in cui comandavano ancora i sovrani assoluti appoggiati dall’aristocrazia e dall’alto clero.

La borghesia –soprattutto in Inghilterra e in Francia- si rafforzava e cominciava a far sentire la propria voce. Come? Con le riviste che all’inizio si occupavano di questioni “etiche” per evitare di immischiarsi nella politica che era l’ambito esclusivo dei sovrani. Siamo infatti nell’epoca dell’assolutismo. Il simbolo più evidente era Luigi XIV (1638-1715), chiamato Roi Soleil, Re Sole, che costruì l’immensa e stupenda Reggia di Versailles, che divenne il modello per altre regge sfarzose come la Reggia di Caserta e come Sans-Souci vicino Berlino e Schönbrunn presso Vienna.

Ma perché queste residenze erano un po’ distanti dalle capitali? Perché così i sovrani potevano isolare, controllare i nobili ed evitare di essere coinvolti da eventuali sommosse popolari, come avvenne a Parigi il 14 luglio 1789 (data memorabile con l’inizio della Rivoluzione Francese).

L’influenza della borghesia aumentava e si strutturava con riviste e anche con il teatro, ma non quello ospitato nelle residenze dei sovrani, né quello popolare delle fiere dei paesi, troppo volgare e plebeo per la nuova classe borghese. Vengono costruiti edifici pubblici per ospitare spettacoli aperti a tutti (ovvero a chi si poteva permettere di acquistare un biglietto). Il teatro pubblico e le riviste, ma anche le scuole, le università, le Accademie delle Scienze (ad esempio la Royal Society a Londra, l’Académie française a Parigi o l’Akademie der Wissenschaften a Berlino, fondata nel 1700, il cui primo presidente fu il filosofo Gottfried Wilhelm Leibniz) contribuirono vieppiù al progresso intellettuale della popolazione, in realtà quasi esclusivamente dei borghesi.

Gli intellettuali illuministi erano sostenuti fortemente dalla borghesia, ma anche da quei sovrani e da quei nobili “illuminati” ovvero sensibili a un profondo rinnovamento della società. Questo movimento generalizzato –vivace anche a Napoli con Re Carlo I e con il ministro Bernardo Tanucci (1698-1783) – dette il nome al secolo: l’Età delle riforme. Che cosa si doveva riformare? L’igiene, gli ospedali e poi le carceri. Pensate che il best seller del Secolo delle Riforme era un libriccino di un illuminista milanese, Cesare Beccaria (1738-1794) intitolato Dei delitti e delle pene (1764), che rappresentò una sorta di manifesto della riforma del sistema giudiziario polemizzando contro l’uso della tortura e della pena di morte contestato in nome del principio umanitario di rieducabilità del reo.

Una altra grande battaglia dell’Illuminismo fu quella per la tolleranza delle religioni. Abbiamo visto come nel Seicento in Germania ebbe luogo la Guerra dei Trent’Anni (1618-1648) per motivi religiosi, per i contrasti teologici tra cattolici –egemoni nel Sud (Austria, Baviera ecc.) e a occidente- e protestanti dominanti nel Nord e a Oriente, ad esempio il Regno di Prussia (capitale Berlino) e il Regno di Sassonia (capitale Dresda). Nel Settecento tutta l’Europa fu percorsa da un moto di superamento delle lotte di religioni tra cattolici e protestanti in nome della tolleranza. Il principale illuminista francese, Voltaire (1694-1778) pubblicò nel 1763 il Trattato della tolleranza, in polemica soprattutto contro l’intolleranza delle autorità religiose. Anzi la tolleranza si ampliò perfino verso una minoranza da secoli discriminata e ‘ghettizzata’, ovvero verso gli ebrei.

Il più autorevole illuminista tedesco Lessing (22 gennaio 1729-15 febbraio 1781) scrisse un dramma a favore della tolleranza anche verso gli ebrei: Nathan il saggio (1779), il cui protagonista Nathan, un commerciante ebreo è il personaggio positivo di questa favola drammatica, ambientata a Gerusalemme in un medioevo immaginario. La tematica contro i pregiudizi nei confronti degli ebrei è ancora attuale. Lessing, quasi per la prima volta, metteva in scena un ebreo e per giunta mercante, che costituiva una vera provocazione intellettuale in una società ancora egemonizzata dall’aristocrazia.

Il teatro, le riviste, le istituzioni culturali ed educative contribuirono al formarsi della “opinione pubblica” che era un nuovo soggetto sociale che è oggi rappresentato da media e dai social. Il potere su di essi significava (e significa) influenzare in maniera determinante l’opinione pubblica, che corrisponde ai soggetti più vivaci, attivi, responsabili (ma qualche volta scaltri e irresponsabili, vedi le attuali fake news) della società.

Il Settecento, che nasce con una struttura socio-politica dominata dall’assolutismo, dai sovrani assoluti, termina con la Rivoluzione Francese (preannunciata dalla Rivoluzione Americana), preparata dalla costante critica esercitata dagli intellettuali tramite le riviste, gli opuscoli, i libri, il teatro, le riunioni nei salotti, nei caffè, nelle logge massoniche (fondate in Inghilterra nel 1717).

Mentre fino al Settecento i luoghi del potere erano le residenze dei sovrani e dei grandi aristocratici e le chiese, con l’evoluzione sociale della borghesia si creano nuovi luoghi di socializzazione come quelli ‘virtuali’ dei giornali, delle riviste, delle case editrici, e quelli ‘concreti’ delle librerie, le università, i teatri, i salotti (famosi i salons parigini contrapposti a Versailles) e le logge massoniche dove si incontravano aristocratici ‘illuminati’ ovvero progressisti e borghesi colti e i ‘caffè’.

Pensate che proprio nel 1764 un altro importante illuminista milanese Pietro Verri fondò una importante rivista illuminista chiamandola «Il caffè»! La cultura illuminista è tendenzialmente contro la concentrazione del potere nelle mani di un sovrano assoluto. Diversi sovrani –abbiamo visto- erano disposti ad accettare le riforme. Ma non sempre e non dovunque. Ad esempio la monarchia inglese accettava il Parlamento in Inghilterra, la cui giurisdizione però non poteva interferire con il governo delle colonie e ciò fu all’origine della Rivoluzione Americana (1775-1783). Più retriva fu la monarchia francese di Luigi XVI (1754-1793), che sposò Maria Antonietta, sorella di Maria Carolina, che sposò Ferdinando I delle Due Sicilie. La chiusura del governo di Luigi XVI provocò infine il crollo del sistema assolutista. E infatti il 14 luglio 1789 scoppiò la rivoluzione.

Diversa fu la situazione tedesca. Intanto la Germania –ovvero il Sacro Romano Impero (che era stato fondato da Carlo Magno, fu abolito da Napoleone nel 1806) – era spezzettata in una miriade di staterelli. I principali erano: i domini di Casa d’Asburgo, denominati brevemente Austria (che comprendeva oltre l’Austria, anche l’Ungheria, il Lombardo-Veneto, l’Istria, la Dalmazia, la Slovenia, la Croazia, la Boemia, la Moravia, l’attuale Slovacchia, parte della Serbia, parte dell’attuale Romania e parte della Polonia meridionale –Galizia- e dei Paesi Bassi), il Regno di Prussia e quello di Sassonia. In questo soverchio frazionamento la borghesia tedesca era debole e poco influente. I luoghi della cultura erano soprattutto le università oppure le istituzioni ecclesiastiche cattoliche (predominante erano i gesuiti) e protestanti. Gli intellettuali e gli scrittori illuministi erano in maggioranza protestanti, concentrati nelle università, la principale era quella di Lipsia.

Ma la cultura tedesca protestante del Settecento era caratterizzata certamente dalla crescente influenza dell’illuminismo (in tedesco: Aufklärung, rischiaramento), ma un ruolo determinante fu svolto da un movimento religioso tutto interno al luteranesimo: il pietismo che si sviluppò dalla fine della Guerra dei Trent’Anni in poi. Perché? Perché tra i devoti luterani non si voleva più accettare la politica aggressiva della Chiesa luterana ufficiale. Non si poteva più consentire che per motivi e interpretazione teologiche (ma sotto sotto per ragioni politiche di potere) ci si ammazzasse tra cristiani per motivazioni teologiche. La rivolta fu silenziosa in nome di un ritorno ai valori della fede affermata da Lutero, quella fede che nasce nell’anima, che vuole una vita devota, umile, con una devozione –pietas- del sentimento. L’egemonia del sentimento è il connotato del pietismo all’interno del primato della fede, che orienta la vita e la pratica dell’uomo verso valori ultraterreni. I pietisti formarono lentamente delle ‘isole’ di credenti, i cosiddetti “Stillen im Lande” –i silenziosi nel paese-. Non si occupavano di politica e nemmeno di alta cultura, ma erano operosi, impolitici, altruisti. Fondarono comunità di preghiera, i “collegia pietatis” e poi scuole, università (importante quella di Halle in Sassonia), ospedali, case di cura, orfanatrofi, missioni (ce ne ricorderemo parlando di Hermann Hesse, i cui genitori furono missionari pietisti in India).

Attenzione ora:

Gli illuministi erano per il primato della ragione, del ‘cervello’, dunque della scienza, del ragionamento, dell’indipendenza della coscienza, del pensiero, dell’individuo cosciente, dunque del nuovo soggetto razionale lontano dal primato della religione e delle chiese. I razionalisti diffondevano le loro idee morali, scientifiche, estetiche in libri, riviste, almanacchi. Scrivevano, pubblicavano per educare il popolo (:la borghesia, l’opinione pubblica) e ovviamente in tedesco per i tedeschi.

E che avveniva nel campo pietista? I pietisti coltivavano il loro sentimento, con la preghiera in silenzio, nella “cameretta del cuore”. Ricordate il Vangelo:

Matteo 6,5-6:

5 Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 6 Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

Oltre a pregare, i pietisti scrivevano, scrivevano senza sosta: diari, poesie, lettere, in cui confessavano le loro tentazioni, lotte, vittorie e sconfitte, la guerra con il Maligno. Così si sviluppava la cultura della scrittura in tedesco per i tedeschi. E scrivevano con il sentimento, con lo “Herz”. Così si rafforzava sempre più la sentimentalità, ovverosia sorgeva il nuovo soggetto sentimentale.

Allora: sulla scena culturale vediamo sorgere una nuova antropologia, quella dell’homo rationalis e quella dell’homo pietista. Due concezioni del mondo contrapposte: il cervello contro il cuore, purtuttavia vi era una nuova realtà che sintetizzava entrambe le due esperienze: la soggettività, formata da cervello e cuore, da ragione e sentimento! I campioni di questo nobile scontro intellettuale cercarono di convincere l’opinione pubblica della giustezza delle proprie tesi. E senza dubbio il principale, il più autorevole esponente del fronte illuminista fu Lessing (come vedremo), ma alla fine avvenne –tanto per restare al lessico di questi tempi- una sorta di contagio generalizzato che comportò da parte illuminista la perdita della convinzione nella superiorità della ragione e da parte dei pietisti il tramonto della fede. Dunque persero tutti?

No, anzi avvenne la più grande trasformazione intellettuale, filosofica, artistica di tutta la cultura tedesca con la genesi della più significativa cultura tedesca, chiamata dal più grande protagonista Goethe: la Goethezeit, l’età di Goethe, che possiamo segnare dal 1750 al 1830.

Se vedete le date, potete capire che all’inizio la cultura tedesca è caratterizzata dall’influenza predominante dell’illuminismo, che significa di Gotthold Ephraim Lessing e dei suoi amici e colleghi come Friedrich Nicolai, direttore di riviste e Moses Mendelssohn, libraio berlinese e primo filosofo ebraico-tedesco, cui occorre aggiungere Johann Joachim Winckelmann (1717-1768), il fondatore dell’estetica illuminista neoclassica, che visse a lungo a Roma con numerosi soggiorni a Napoli, Ercolano e Paestum, divenendo uno dei principali intellettuali che favorirono la rivalutazione e la conoscenza dell’arte antica, contrapposta a quella barocca, pervasa dalla concezione cristiana della vita (pensate alle grandi chiese barocche a Napoli e a Roma).

Lessing era stato un giovane studente così talentuoso da ricevere una cospicua borsa di studio per studiare alla facoltà di teologia a Lipsia. Il padre era pastore luterano e la madre era, a sua volta, figlia di pastori e tutti gli avi erano pastori e quindi il destino di Gotthold Ephraim era succedere al padre. Ma a Lipsia Lessing scopre il teatro ed è una folgorazione. Lui capisce che il teatro, il nuovo teatro borghese (non quello aristocratico francese di moda in Germania, bensì quello sorto sulla scia di Shakespeare e degli inglesi) può essere uno strumento di diffusione e di formazione più attuale ed efficace del pulpito della chiesa: drammi contro sermoni per formare l’uomo nuovo dell’illuminismo. Formazione in tedesco: Bildung, è una parola-chiave nella cultura intellettuale e letteraria tedesca. Lessing intuisce che la propria missione non è di diventare pastore, predicatore luterano, bensì autore di teatro: la scena, il palcoscenico è un luogo deputato all’educazione degli uomini, anzi per dirlo con Lessing all’Educazione del Genere Umano. Infatti così si intitola una sua raccolta di aforismi di saggezza di vita. Accanto al teatro l’attività culturale di Lessing si sviluppò con la fondazione di riviste culturalmente impegnate. In realtà di breve durata, ché gli abbonati –che costituivano il principale sostegno finanziario per la loro pubblicazione- era esiguo. Insomma il nostro Lessing, che fu anche grande erudito di estetica, di critica biblica, filologo e classicista, ebbe per tutta la vita problemi economici.

Durante la Guerra dei Sette Anni (1756-1763), che contrappose la Prussia di Federico II all’Austria di Maria Teresa d’Asburgo, alleata della Francia e perfino della Russia, per sbarcare il lunario, divenne segretario di un generale prussiano, con cui andò molto d’accordo. Successivamente accettò di dirigere il nuovo Teatro di Amburgo per due anni, ma con le sue critiche si inimicò gli attori, anzi soprattutto le attrici e alla fine Lessing, che aveva rifiutato la carriera accademica per non essere al soldo di un sovrano, dovette cedere e accogliere la nomina a direttore della stupenda biblioteca di Wolfenbüttel (ancor oggi una delle migliori della Germania!) alle dipendenze del Duca del Braunschweig (troverete anche: Brunswick) e qui nel 1772 completò l’ Emilia Galotti, una tragedia che divenne uno dei suoi lavori teatrali più fortunati. Pensate che in Germania viene rappresentata quasi ogni anno almeno da uno dei numerosi teatri di prosa tedeschi. Il dramma mette in scena Emilia, giovane donna, promessa sposa di un bravo giovane, il Conte Appiani, nobile e ricco, che decide di lasciare la corte, corrotta, per ritirarsi in campagna nei suoi possedimenti dopo il matrimonio con la bella fidanzata. La data delle nozze è fissata proprio nel giorno in cui si svolge la tragedia. Infatti tutto si guasta perché il giovane e viziato Principe di Guastalla, Ettore Gonzaga, aveva incontrato in una festa Emilia e se ne era invaghito follemente. Era abituato a soddisfare i propri desideri, ma come fare ad avere Emilia che si stava sposando e che avrebbe lasciato con il suo nobile sposo lo stato? No problems. Ci pensa Marinelli, il ciambellano di corte, il cattivo consigliere, il cui nome richiama per allitterazione Machiavelli. E infatti il corrotto cortigiano senza alcun scrupolo morale organizza un assalto alla carrozza che sta conducendo i promessi sposi fuori città alle nozze e poi ai possedimenti dello sposo fuori dello Stato.

Marinelli, il malvagio consigliere del giovane sovrano, organizza il rapimento di Emilia, ma qualcosa va storto: lo sposo viene ammazzato dai sicari di Marinelli mentre tenta di difendere la giovane, nella scaramuccia. Vi sono vari colpi di scena e finalmente arriviamo a quella che considero la scena cardine della tragedia. Emilia, che è stata rapita dagli sgherri del Principe e trasportata in un villino del sovrano, capisce la trappola in cui è caduta architettata da Marinelli per lasciare che il Principe si ‘approfitti’ di lei. Il punto culminante è rappresentato dal dialogo tra Emilia e suo padre Odoardo, un uomo libero, onesto, che ha preferito abbandonare la città per non dover avere nulla a che fare con il Principe e i suoi cortigiani, mentre Claudia, sua moglie, donna leggera e amante della società e delle feste, è restata in città perché convinta che Emilia avesse bisogno di socializzare. E infatti tutto era iniziato quando Claudia aveva accettato di partecipare a una festa insieme alla figlia Emilia in una casa aristocratica, alquanto ‘chiacchierata’. Al festino era presente anche il principe che si era perdutamente innamorato e che d’allora non pensava che a Emilia. L’aveva incontrata di nuovo in chiesa proprio all’alba del giorno delle nozze, sussurrandole proposte sconvenienti, che avevano turbato Emilia, giovane illibata di austeri costumi e profondamente devota (qui affiora la sensibilità pietista). La trappola ordita da Marinelli aveva condotto la giovane nella villa fuori città del Principe, dove si ritrovano, in scene diverse, prima la madre, poi –per un malinteso- la Contessa Orsina, amante ‘ufficiale’ del Principe, che però non la desidera più poiché brama soltanto Emilia. Arriviamo alla Scena Sesta dell’Atto Quinto (di norma le tragedie erano tradizionalmente strutturate in cinque atti e in varie scene). Emilia è sconvolta per gli avvenimenti, per l’assassinio del Conte Appiani (figura nobile, ma sfocata). In un intenso, sconvolgente colloquio con il padre, Emilia gli mette in mano un pugnale e gli si getta contro. Nella concitazione della conversazione non risulta del tutto chiaro se si tratta di un omicidio, ancorché non voluto (il padre che non vede altra via d’uscita che uccidere la figlia), o di un suicidio non ammesso dalla fede della giovane. Perché questo estremo? Lasciamo la parola a Emilia che risponde al padre a proposito della violenza del Principe. Lei rivela a sorpresa una nuova sensibilità circa la violenza, che non si limita a quella fisica, brutale, ma ha una accezione più sottile, psicologica, più difficile a respingere:

«EMILIA: Violenza! Violenza! Chi può opporsi alla violenza? Quello che si chiama violenza è niente: la seduzione è la vera violenza!… Io ho sangue nelle vene, padre mio, sangue giovane e caldo come ogni altra donna. Anche i sensi sono sensi. Non garantisco nulla».

Siamo confrontati con una delle scene più drammatiche della letteratura teatrale. Lessing mette in scena una giovane donna moderna che, pur devota e promessa sposa, si scopre non insensibile al desiderio, percepisce il suo “sangue giovane e caldo”. Il Principe è un dissoluto, sostanzialmente un debole, probabilmente giovane e bello, invaghito di lei, con il carisma del potere, con il fascino –fortissimo nel Settecento- dell’autorità (non dimentichiamo: di origine divina!). Emilia vive –per la prima volta in una tragedia del teatro moderno- il conflitto tra eros ed ethos, tra passione e moralità.

Presto arriverà Kant ad affermare il primato dell’etica, dell’imperativo categorico. Ma la grandezza, la modernità di Emilia è tutta qui: nel riconoscimento della sua sensualità, della sua totalità umana composta di anima, corpo e mente. Non è più un “santino” dei secoli della incrollabile fede nell’aldilà che voleva le giovani donne “vergini e martiri”. Certo Emilia muore gettandosi contro il pugnale in mano al padre, ma muore per la sua legge morale che non poteva ammettere di cedere alla seduzione, alla tentazione che pur provava. Goethe, finissimo psicologo e attento lettore, affermò che Emilia era innamorata del Principe, che del resto la voleva a ogni costo, lusingandola con la forza, la potenza del suo desiderio.

Ecco la tragedia scaturita dall’antinomia tra desiderio e volontà, tra passione e moralità. In questo Emilia è una donna moderna, consapevole della sua intera personalità, delle sue pulsioni ancorché oscure. In lei piuttosto che la concezione cristiana del peccato, è viva la coscienza morale. Al climax tragico segue un finale ‘politically correct’. Tutta la colpa ricade sullo scellerato cortigiano, come riconosce il principe nel gran finale: «Dio! Dio! … Non basta che per sventura di tanti, i principi siano uomini: bisogna anche che dei demoni si nascondano tra i loro amici?».

Interrogativo retorico per salvare il salvabile. Lessing era pur sempre alle dipendenze del duca di Braunschweig e il dramma fu rappresentato nel teatro del duca (Lessing alla prima si era dato malato. Non si sa mai…). Il dramma era chiaramente ispirato alla sensibilità anti-tirannica.  Il Principe Ettore Gonzaga è un dissoluto e un debole, che amministra da irresponsabile la giustizia.

Lessing era consapevole della carica riformistica del dramma e a quel tempo la censura non scherzava. E per questo il dramma di svolge in Italia, a Guastalla uno staterello inventato. Guastalla esiste per davvero vicino al Po in provincia d Reggio Emilia, ed era stata governata nel Cinquecento dai Gonzaga. L’Italia, per altro, nell’immaginario tedesco era il paese degli avventurieri, dei briganti, delle belle donne, della dolce vita, di intrighi e raggiri. E poi per i protestanti era la terra dei papisti, ancora quasi pagani (esemplari le polemiche degli illuministi tedeschi contro il miracolo del sangue di San Gennaro!).

Lessing è stato anche l’autore di una delle rare commedie tedesche, Minna von Barnhelm, che è uno dei primi lavori teatrali che si svolgeva nel suo tempo e a Berlino, che per la prima volta, in maniera autorevole, diventava un luogo prescelto della letteratura tedesca. L’episodio si rifà alla Guerra dei Sette Anni che –come abbiamo visto- si era svolta tra il 1756 e il 1763, coinvolgendo soprattutto la Prussia di Federico II (1712-1786) di Prussia e Maria Teresa d’Austria (1717-1780), insomma il Nord luterano e il Sud cattolico.

Lessing vi aveva partecipato come segretario di un generale prussiano. Federico, sovrano assolutista, ma anche favorevole allo sviluppo economico e culturale del suo regno, per colpire l’Austria a sorpresa aveva invaso il regno di Sassonia che era neutrale, inaugurando una prassi politico-militare che i tedeschi ripeterono durante la Prima Guerra Mondiale invadendo nel 1914 il Belgio neutrale.

La commedia del 1767 mette in scena una giovane nobile sassone Minna innamorata, riamata, di un Maggiore prussiano, von Tellheim. La commedia –per Goethe «una meteora lucente» sulle scene tedesche- contribuì alla pacificazione tra gli abitanti dei due regni. A Lessing riesce un esperimento, non frequente nella letteratura tedesca, molto seria e compassata, ovverosia di trattare argomenti importanti con leggerezza, con humour e intelligenza. Come disse Minna al suo severo fidanzato: «Forse che non si può essere molto seri anche ridendo? Caro maggiore, il riso ci mantiene più ragionevoli della musoneria».

Lessing ci doveva stupire con il suo ultimo dramma scritto nell’isolamento della Biblioteca di Wolfenbüttel, di cui era direttore. Lessing aveva esercitato la sua prerogativa di pubblicare materiali presenti in quella biblioteca, per altro ricca di manoscritti e incunaboli. In realtà si permise di pubblicare anche manoscritti di tendenza ‘deista’, dunque critici verso la religione positiva, ovvero contrari ai dogmi del cristianesimo, scatenando le reazioni del clero protestante che ottenne che il Duca gli vietasse di continuare a pubblicare testi di critica teologica. E allora Lessing (come sostenne lui stesso) salì sul suo antico pulpito: il teatro, mettendo in scena una favola drammatica con tre protagonisti: un giovane crociato tedesco, il Saladino –il sovrano musulmano della Gerusalemme medievale- e un mercante ebreo, famoso per la sua saggezza.

Nel dramma c’è un famoso apologo: un padre aveva tre figli esemplari. Vicino alla morte, era turbato dalla decisione: a chi lasciare un anello magico in possesso alla sua famiglia che veniva trasmesso di padre in figlio e che aveva il potere di rendere fortunato il possessore. Il padre, che amava i figli di uguale amore, fece costruire tre anelli identici, consegnandone uno alla volta, separatamente, ai figli. Alla morte, i tre si ritrovano ad avere il medesimo anello e poiché si vogliono bene, non litigano, ma vanno da un saggio giudice affinché sia lui a decidere; e costui decise che alla fine delle loro vite colui che nell’esistenza era stato il più generoso, amato, felice, costui era il detentore dell’anello magico.

Una favoletta. Sì e no. Il senso è molto illuministico e sta significare che la verità (il vero anello) sarà dimostrata solo alla fine della vita e non prima. Non è un “a priori”, ma un “a posteriori”. Ovverosia la verità non è un dogma, ma è prassi, lavoro, politica, scienza, azione che fa bene a se stessi e al prossimo. La verità è azione e filantropia e non la cristiana charitas (gli illuministi tedeschi dicevano Menschenliebe: Liebe amore; Menschen uomini), amore del prossimo, ma non per comandamento religioso, ma per apertura d’animo, per la tolleranza e solidarietà.

Perché tre anelli, tre figli? Sono l’allegoria delle tre religioni storiche (dette ‘positive’): l’ebraismo, il cristianesimo e l’islamismo, che hanno un unico padre: la religione naturale. Solo alla fine dei tempi sapremo dai risultati qual è la vera religione. Insomma un autentico superamento di ogni dogmatismo, di ogni teologia.

Ecco perché Lessing è considerato il principale illuminista (Aufklärer). Postumi furono pubblicati degli aforismi sull’ Educazione del genere umano, a dimostrare che l’umanità si sarebbe evoluta ancora maggiormente, emancipandosi dalle religioni ‘positive’: prima c’era stato l’ebraismo con Mosè coi dieci comandamenti, poi Gesù con il vangelo, con il nuovo messaggio d’amore, ora i tempi erano maturi per una nuova svolta: sarebbe avvenuto il rischiaramento, l’Aufklärung delle coscienze, con quello che Lessing chiamava il “Vangelo dello Spirito”, potremmo dire con la filosofia; lui diceva con «il cristianesimo della ragione».

Lessing muore nel 1781 e nello stesso anno la fiaccola passa a Immanuel Kant (1724-1804) che in quell’anno pubblica la sua opera più celebre: la Critica della ragione pura e successivamente, nel 1788, la Critica della ragione pratica, il cui nucleo può essere riassunto con la famosa affermazione: «Due cose riempiono la mente con sempre nuova e crescente ammirazione e rispetto, tanto più spesso e con costanza la riflessione si sofferma su di esse: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me». In un altro scritto dall’emblematico titolo: Che cos’è l’illuminismo? Il filosofo afferma che l’illuminismo è l’uscita dalla minore età della coscienza umana, è il momento in cui si diventa moralmente e intellettualmente maggiorenni. Questo in sintesi è il grande contributo della cultura illuministica tedesca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione on line UNITALIA : Impresa 4.0 Puntare ed Investire su Formazione Innovazione e Digitale

Bisogna saper investire sulla formazione puntando sulle nuove Tecnologie per lo Sviluppo delle professioni e far crescere l’occupazione.  Dobbiamo cogliere le sfide di questo periodo dove vari decreti del governo ci costringono a casa e a usare la formazione a distanza  per formare e comunicare.  Operare nuovi investimenti nel settore della formazione  significa costruire una vera cultura dell’innovazione. Ma come?

Corso di Laurea in Mediazione Linguistica per una Formazione 4.0

Le Scuole di Mediazione Linguistica devono  puntare sull’innovazione e sul digitale e su nuovi investimenti per la formazione nel settore dell’impresa. Anche le Associazioni come UNITALIA  e Confassociazioni devono fare la loro parte aggiornando i professionisti con corsi e Master.

Serve innovare l’intera economia e per farlo occorre ancora di più  puntare sulla formazione ad ogni livello.

shutterstock_454863004

Lo spirito Impresa 4.0 è stato promosso dalle istituzioni:  si  tratta  di un lavoro  di incentivazione culturale all’ammodernamento delle imprese: con Industria 4.0 il Governo italiano sta cercando di intervenire sul tessuto delle imprese italiane (in gran parte piccole e medie) attraverso un sistema di incentivi con lo scopo  di contribuire all’innovazione e all’ammodernamento dell’intero sistema Paese.
Chi investe in tecnologia pur operando nei servizi o nel terziario avanzato può avere diritto alle risorse messe a disposizione come incentivi, e in questo modo è spinto a investire in tecnologie necessarie a competere nel nuovo mercato globale.

mainpictureimg14

Il caposaldo di Impresa 4.0 sarà il credito d’impostaper la “formazione 4.0“, che con la legge di Bilancio è a disposizione delle imprese che effettueranno una spesa incrementale in formazione.

impresa4.0

In ritardo sia l’esecuzione dei lavori per la posa della fibra ottica, sia i competence center“,  denominazione inglese che identifica i centri di competenza che dovranno mettere in sinergia università e imprese.

Secondo un rapporto della multinazionale di consulenza McKinsey, le nuove tecnologie digitali avranno un impatto profondo nell’ambito di quattro punti principali di sviluppo: il primo riguarda l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività, e si declina in big data, open data, Internet of Things, machine-to-machine e cloud computing per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione.

IL secondo è quello degli analytics: una volta raccolti i dati, bisogna ricavarne valore. Oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, dalle macchine cioè che perfezionano la loro resa “imparando” dai dati via via raccolti e analizzati.  Il terzo punto  di sviluppo è l’interazione tra uomo e macchina, che coinvolge le interfacce “touch”, sempre più diffuse, e la realtà aumentata.  Solo per fare un esempio la possibilità di migliorare le proprie prestazioni sul lavoro utilizzando strumenti per la formazione come i Google Glass.

Entro il 2020 si stima che il mercato delle tecnologie di sviluppo per la realtà aumentata e virtuale raggiungerà oltre i 150 miliardi di dollari di fatturato. Ma di cosa parliamo quando ci riferiamo a Augmented Reality? La realtà aumentata si può pensare come un sistema di grafica interattiva che permette di intervenire su un flusso di immagini video live, che modifica la realtà aggiungendo in real time contenuti e animazioni virtuali. Può essere dunque definita come una tecnica di realtà virtuale, attraverso cui si aggiungono informazioni alla scena reale. Questo processo avviene attraverso piccoli visori sostenuti, come i caschi immersivi, supporti montati sulla testa che permettono di vedere la scena reale attraverso lo schermo semitrasparente del visore (see-through), utilizzato anche per mostrare grafica e testi generati dal computer. 

Quali i settori in cui l’AR è maggiormente impiegata?

I settori interessati dalla crescita delle tecnologie di realtà aumentata saranno, secondo le stime di Goldman & Sachs, quello dei giochi che potrebbe raggiungere guadagni per oltre 11 miliardi di dollari con una platea di utenti di oltre 216 milioni di individui, seguito dal settore intrattenimento che complessivamente riguarderebbe una platea di 175 milioni di utenti per un mercato di circa 4,1 miliardi di dollari per gli eventi live e 3,2 miliardi di dollari per il video entertainment.

Nel prossimo decennio si stima che tutto l’ecosistema legato alle tecnologie AR/VR raggiungerà gli 80 miliardi di dollari (di cui 45 miliardi per l’hardware e 35 per il software).

Come la VR cambierà istruzione e turismo

Tra gli altri ambiti maggiormente influenzati da un crescente utilizzo di Realtà Virtuale e Realtà Aumentata, l’istruzione e il turismo sono quelli in cui gli italiani si aspettano i maggiori cambiamenti. Secondo il 55% degli early adopter la VR trasformerà le modalità di insegnamento e apprendimento nelle scuole, con spazi virtuali all’interno delle aule.

Queste nuove tecnologie daranno vita anche a un nuovo concetto di turismo: per il 21% degli italiani sarà possibile esplorare le destinazioni tramite mappe che integrano informazioni accessibili in Realtà Aumentata e per il 25% si potrà viaggiare virtualmente insieme ad altre persone.

ralta-virtuale-eni

Il tour operator Ancient & Recent propone un tour che permetterà a tutti visitatori del Colosseo di usufruire durante la visita culturale in compagnia di una guida turistica autorizzata, di una esperienza di visita virtuale, multimediale, multisensoriale completamente immersiva indossando dei Visori Samsung Gear VR che attraverso il sistema della realtà virtuale ed un software in multilingua che integra una ricostruzione storica 3D animata ed interattiva, porterà indietro nel tempo i visitatori.
I visitatori potranno camminare “live” nella piazza, ammirando la maestosa statua di Nerone, la Meta Sudans, il Tempio di Roma e Venere; all’interno dell’arena, tra il ruggito dei leoni feroci e i combattimenti dei gladiatori ed, infine, all’interno dei misteriosi sotterranei.
Una voce narrante in multilingua e sfondi musicali epici accompagneranno la visita.

colosseo_tour_virtuale630

Il cloud

Negli ultimi anni l’ascesa del cloud computing ha avuto un grande impatto sulle società. I settori più attivi nella cloudification sono il manifatturiero, le banche, telco e media, che fruiscono dei vantaggi del cloud utilizzando i servizi di gestione dell’advertising e delle infrastrutture, per esempio, per lo streaming video per supportare le attività.

Nell’era digitale, dunque, usufruire di servizi cloud  diventa indispensabile per tutte le imprese che si trovano a gestire un gran numero di dati e informazioni.

Alcuni esempi di cloud computing tratti dalla vita informatica quotidiana

Quando  navighiamo  su Google, digitando una  ricerca, in realtà stiamo usando delle soluzioni di cloud computing. Il  computer  invia la richiesta alla rete di una delle migliaia di cluster di computer di Google, che elaborano le informazioni cercando ciò di cui abbiamo bisogno e chiedono al  PC di visualizzare i risultati. Le operazioni più onerose vengono fatte da una macchina residente in California, a Dublino, a Tokyo o in una delle tante altre parti del mondo e si trovano a gestire un gran numero di dati e informazioni.

AAEAAQAAAAAAAAk2AAAAJGE4ZjJmZjJiLTczMGQtNGM4Mi1hZGVkLWZhNTJmYjBmYjc0Yg

Quale sarà il futuro dell’istruzione?

La realtà virtuale è sicuramente l’ultima grande innovazione tecnologica che si prepara a irrompere sul mercato.  Sono già tanti gli headset (nome tecnico che indica gli “occhialoni” che indosseremo per entrare nel mondo virtuale) sul mercato.
Oculus Rift è la console più attesa, che promette di rivoluzionare il mondo degli appassionati di videogiochi, permettendo loro di muoversi negli ambienti virtuali a 360°, con piena libertà e sperimentando una sensazione di totale immersione.
Ma la realtà virtuale non avrà ripercussioni solo per il mondo dell’intrattenimento, visto che già adesso si sta lavorando sui possibili risvolti per quanto riguarda l’informazione, i documentari, lo shopping e altro ancora. L’aspetto però forse più importante riguarda la possibilità che la realtà virtuale possa rivoluzionare il mondo dell’istruzione.

Pensate a una classe di studenti che, invece di studiare leggendo libri di testo e guardando le immagini, possa letteralmente viaggiare in uno spazio virtuale ricreato in tutti i dettagli. Assistere in prima persona alla costruzione delle piramidi, o muoversi liberamente per Parigi, Londra o Roma visitando i luoghi più suggestivi.
Tutto questo non è fantascienza, ma già realtà.  Gli studenti  del San Francisco Unified School District in California e delle Polk County Public Schools in Florida, che sono state dotate della console di realtà virtuale appositamente pensate per l’educazione, Nearpod. Secondo uno dei principali investitori dietro questo progetto, Brandon Farwell, l’utilizzo per l’istruzione di Nearpod rivoluzionerà l’educazione, consentendo di coinvolgere attivamente tutti gli studenti e rendendo molto più facile stimolare l’interesse e la curiosità anche degli studenti più distratti.

virtual-reality

Il costo di questi dispositivi non è elevatissimo (già oggi se ne trovano a poco più di 100 euro) e che moltissimi ragazzi li avranno già a casa per usarli come videogame, non è difficile immaginare che in un futuro forse non troppo lontano tutti gli studenti si recheranno nelle scuole inserendo nello zaino anche gli occhialoni per la realtà virtuale.

Nella foto un simulatore di realta virtuale

Google Classroom è un servizio gratuito per le scuole, le organizzazioni non profit e tutte le persone che dispongono di un account Google personale. Classroom permette a studenti e insegnanti di rimanere in contatto più facilmente, dentro e fuori dalle scuole. Inoltre, consente di risparmiare tempo e carta e semplifica la creazione di corsi, la distribuzione di compiti, la comunicazione e l’organizzazione.

I vantaggi di Classroom sono numerosi:
• Facile da configurare. Il docente  può aggiungere gli studenti direttamente o condividere un codice con lo studente per permettere  di registrarsi.
• Risparmio di tempo. Il flusso di lavoro , semplice e senza documenti cartacei, consente al docente di creare, rivedere e valutare rapidamente le esercitazioni assegnate.
• Organizzazione  efficace. Lo studente è in grado di visualizzare le esercitazioni in un’apposita pagina, mentre tutto il materiale del corso (come lezioni, documenti, foto e video) viene archiviato automaticamente in cartelle di Google Drive.
• Comunicazione migliorata. Classroom consente al docente di inviare annunci e di avviare discussioni con gli studenti in un attimo. Gli studenti possono condividere risorse tra di loro o fornire risposte alle domande nello stream.
• Convenienza e sicurezza. Come gli altri servizi di G Suite for Education, Classroom non include annunci promozionali, non utilizza mai i  contenuti postati o i dati degli studenti a fini pubblicitari ed è gratuito.

Infine c’è tutto il settore che si occupa del passaggio dal digitale al “reale” e che comprende la manifattura additiva, la stampa 3D, la robotica, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni.

Il futuro sarà della mediazione linguistica , della conoscenza delle lingue, delle tecnologie  digitali e della formazione avanzata e competitiva.

Il “Girotondo” durante il periodo della peste nera

Articolo di GUSTAVO LEGUIZAMON

file

“Ci siamo mai fermati a riflettere sul significato delle canzoni che canticchiavamo per ore gioendo di ingenui giochi infantili durante i lunghi pomeriggi della nostra spensierata fanciullezza?

Le canzoni costituiscono buona parte del coacervo culturale di una società e ne restituiscono una perfetta fotografia.

Le nostre abitudine diventano prima consuetudine ed infine diventano routine e senza rendercene conto arrivano a dare forma a larga parte della nostra quotidianità.
La quotidianità può portarci a perdere la prospettiva storica dell’essenza della musica popolare, ad esempio delle canzoni che cantavamo durante la nostra infanzia.

I girotondi, le corse e i balletti  rappresentano alcuni dei giochi preferiti dai bambini, al di là della loro etnia. L’origine di tali giochi risale agli albori delle civiltà umana. Il girotondo trova la  sua origine durante le nascita di religioni e si osserva sin dall’Età della Pietra.

Oggi giorno non è facile immaginare la quotidianità durante il Medioevo, quando le consuetudini erano ben diverse dalle nostre. Le cerimonie religiose e le feste erano eventi che si intendevano dentro un contesto di gruppo, così come le canzoni e i balletti. Le corse diventavano un tipo di danza collettiva che si imprimeva a lungo nella memoria.

Ecco, qui entrano in gioco i partecipanti più temuti: le epidemie che flagellano il mondo lasciando le loro tracce nelle canzoni infantili.

La morte è fortemente legata alla peste, alle pandemie e alle epidemie che colpiscono i popoli e che nell’immaginario collettivo hanno una stretta relazione con la colpa, la punizione e la volontà divina.

Per esempio, in Italia, il mostro della peste nera, che flagellò l’Europa nel XIV secolo (1347 – 1353), ha lasciato le sue ferite impresse nel gioco del “Girotondo”.

 

Il girotondo consiste nel darsi la mano e girare in cerchio, recitando una filastrocca. La più nota recita:

Giro giro tondo

Casca il mondo

Casca la Terra

Tutti giù per terra

Aiuto

All’ultima strofa ci si ferma e ci si accovaccia.

Nella versione spagnola di questo gioco, lì chiamata corro la patata (corsa a la patata) che diventa per il resto del mondo ispanico huevo podrido (uovo marcio).

Versione spagnola:

Al corro de la patata

comeremos ensalada,

lo que comen los señores

naranjitas y limones.

Achupé, achupé

sentadita me quedé.

Alla parola “achupé”, i bambini saltano in alto, prima di gettarsi a terra cantando l’ultima strofa.

Per Latinoamerica:

Jugando al huevo podrido

Se lo tiro al distraído

El distraído lo ve

Y huevo podrido es.

Significa che un bambino  è eliminato dal gioco.

Tale gioco nel mondo anglosassone si chiama Ring a Ring o’ Roses e la sua canzoncina è:

Ring-a-ring o’ roses,

A pocket full of posies,

A-tishoo! A-tishoo!

We all fall down.

Infine, la versione tedesca  somiglia molto alla italiana:

Ringel ringel reihen,

Wir sind der Kinder dreien,

sitzen unter’m Hollerbusch

Und machen alle Husch husch husch!

 

Alle Kinder setzen sich!

 

Quindi, non importa la lingua, l’etnia o la religione alla fine del gioco tutti si devono accovacciare e la peste li porta via.

Chissà se in un futuro prossimo avremo un nuovo gioco infantile che ricorderà, inconsapevolmente, l’epidemia di Coronavirus che siamo attraversando oggi”.

Fonte : https://jueguemosya.blogspot.com/2020/03/il-girotondo.html

 

Angelico,_giudizio_universale_ girotondo 

Leggenda o storia

Negli anni 1665-66, la popolazione di Londra venne colpita dalla Grande Peste. Le vittime furono oltre 100.000  . Si racconta che i genitori preoccupati dalla necessità di educare i bambini e abituarli all’idea che “tutti potessero morire”, lo fecero attraverso le parole di questa filastrocca. Sappiamo che una prima versione di “Ring-a-ring o’ roses” venne scritta nel 1881, ma si dice che una canzone simile girasse già in Europa nel 1790  giunta  a noi nelle sue numerose versioni.

 

Nuovi profili professionali : dalla criminologia alla linguistica forense

In Italia con   la  Mediazione Linguistica   si stanno delineando   molti nuovi profili professionali che tuttavia bisogna saper organizzare dal punto di vista della formazione e del riconoscimento delle professioni. La formazione dell’interprete e traduttore   è stata riordinata per legge e si prevede una formazione triennale delle lauree in Mediazione linguistica e Magistrale in Interpretariato e traduzione. Per le  professioni si prevedono nuove ed interessanti  figure che potrebbero essere inquadrate come  mediatore linguistico  forense.

Le sentenze, le testimonianze, i codici verbali di polizia sono fondamentalmente documenti linguistici. Sia il mondo del diritto penale che  quello civile sono dominati dal linguaggio della legge e dalla sua interpretazione e in quest’ambito sia i linguisti che i criminologi hanno apportato in quest’ultimi anni un contributo cospicuo.

Quando parliamo di linguistica forense, le parole e l’analisi della terminologia sono molto importanti

Se si ama la linguistica e le lingue , probabilmente si è alla ricerca di una carriera in cui mettere a frutto le  capacità analitiche e l’ attenzione al dettaglio.  Non solo fare carriera nella linguistica forense  permetterà di lavorare nel  settore preferito, ma   darà anche l’opportunità di poter risolvere crimini.

Per dare un esempio nella vita di un moderno Sherlock linguistico, diamo alcune informazioni su come fare carriera nella linguistica forense:

Cos’è la linguistica forense?
Linguistica forense è un termine ampio che riguarda il rapporto tra lingua e legge.

Si riferisce comunemente all’esame linguistico di testi giuridici scritti e parlati , che si tratti di testamenti privati, lettere di suicidio, chiamate di emergenza o dichiarazioni di testimoni , al fine di decifrare i messaggi, comprendere il significato e, infine, risolvere i crimini.

Il tipo specifico di testo in questione varia a seconda delle aree di ricerca forense studiate  e qualsiasi forma di testo può essere considerata una trascrizione forense se utilizzato in un contesto legale o penale.

La linguistica forense potrebbe comprendere le seguenti aree:

Diritto – comprende l’interpretazione di testi giuridici e l’indagine su plagio e violazione del diritto d’autore.
Processi  – comprende l’interpretazione in aula, i colloqui investigativi e i colloqui di polizia.
Prove – comporta l’analisi di dichiarazioni, confessioni e note o lettere di suicidio.
Insegnamento e ricerca – comprende l’insegnamento della linguistica forense, lo studio del valore delle prove e la ricerca di nuove tecniche.

Lo studio scientifico del linguaggio varia dall’ identificazione all ’interpretazione dei significati espressi negli scritti, all ’identificazione della voce e al linguaggio legale.  Lo studio prevede l’interpretazione dei significati nelle affermazioni orali e scritte come ad esempio testimonianze, registrazioni ma anche mere traduzioni. La comunicazione legale include sia sistemi semiotici non verbali, come illustrazioni o gesti, sia  aspetti linguistici .

 

Il lavoro della linguistica spesso si basa su alcuni aspetti basilari:
il livello grafofonico inerente alla scrittura;
il livello lessicale: le parole, la grammatica
e il livello di eloquio;
tutti  legati ai fattori sociali e funzionali che ne determinano l’impatto sul modo in cui vengono utilizzati.   Da qui nasce la linguistica forense che ha come fine quello di promuovere lo studio del legame tra la linguistica e la legge.
Il fraintendimento linguistico può essere causato da un costrutto sintattico povero ed espressioni verbali che possono risultare  chiare ma inappropriate rispetto al contesto oppure una differenza tra la cultura di base dell interlocutore, (L1) che potrebbe essere il teste,  e la lingua d’arrivo (L2).
Unabomber il caso risolto grazie alla Linguistica

Ted Kaczynski,  noto come Unabomber, fu un terrorista dinamitardo attivo negli Stati Uniti a partire dalla fine degli Anni ’70.  Costruiva e spediva  pacchi postali esplosivi. In un arco di tempo di circa 20 anni, provocò 3 morti e 23 feriti.  Il desiderio era quello di colpire coloro che secondo lui rappresentavano i pericoli del progresso tecnologico. I bersagli erano infatti coloro che lavoravano nel campo della tecnologia: università e compagnie aeree (“UNiversity” e “Airline”, da qui il soprannome attribuito dai giornalisti).

Nel 1995, Unabomber spedì alle redazioni di diversi giornali un Manifesto, “La Società Industriale e il Suo Futuro”.  Promise di intensificare gli attacchi terroristici se il manifesto non fosse stato pubblicato da almeno uno dei giornali.

Da un’iniziale analisi del testo, gli investigatori riuscirono a stabilire la provenienza del terrorista, Chicago. Fu proprio questa la città da dove erano stati spediti o nella quale erano scoppiati i primi pacchi bomba. L’FBI chiese alla popolazione di individuare tra i propri conoscenti un soggetto corrispondente al profilo che potesse avere idee rivoluzionarie come quelle esposte nel manifesto. 

David Kaczynski riconobbe lo stile e le idee del fratello e contattò l’FBI. Consegnò alcune lettere che si erano scambiati in passato. Grazie all’analisi e al confronto con il manifesto, la task force incaricata alla cattura di Unabomber riconobbe l’identità del terrorista. Tra le somiglianze riscontrate, l’uso di “analyse” al posto di “analyze”, l’uso di “licence” anziché “license”. Inoltre, sia Unabomber che Ted Kaczynski utilizzavano una versione peculiare del proverbio “Have one’s cake and eat it too.” (che corrisponde al nostro proverbio “Avere la botte piena e la moglie ubriaca”): sia nel manifesto sia nelle lettere di Kaczynski, il proverbio era sostituito con  Eat one’s cake and have it too.”.

 Il mediatore linguistico  forense segue il processo accanto agli Avvocati , Giudici e al PM dall’inizio
fino alla fine ed è proprio grazie al suo lavoro, in qualità di linguista forense, che si riesce  ad ottenere  un giusto processo.
Il lavoro del  gruppo di studio composto da linguisti , psicoterapeuti, medici legali, sociologhi , antropologi ,  da legali civilisti e penalisti , da ricercatori  delle scienze forensi  sostiene che i metodi della linguistica , della psicolinguistica e sociolinguistica sono da definirsi  scientifici contrariamente  a quanto si tenderebbe a sostenere a livello generale e giuridico. Specialmente nel mondo delle professioni legali   si tende a non prenderle in considerazione  perché tali materie non sono cosi dogmatiche come le scienze fisiche.

Cosa fa il linguista forense?
I linguisti forensi esaminano le prove scritte e verbali, per aiutare a scoprire il significato corretto dietro una serie di testi trovati nei procedimenti giudiziari.

Potrebbe comportare qualsiasi cosa, dall’identificazione di un criminale attraverso l’esame del loro stile di scrittura, per capire se una persona sta mentendo attraverso l’analisi linguistica del loro discorso.

Sulla base del loro esame approfondito, sono quindi in grado di individuare modelli e formulare giudizi informati sulla base di una serie di fattori , tra cui la scelta delle parole, la struttura delle frasi, il dialetto e il vocabolario, il linguaggio settoriale.

Le conclusioni che si raggiungono potrebbero aiutare a determinare l’esito di un procedimento penale.

L’auspicio è che la linguistica forense insieme alla mediazione forense venga maggiormente utilizzata anche in Italia in ambito peritale dove sarebbe certamente molto utile e di supporto all’attività investigativa e come ricco apporto alla cultura legale.  Il mediatore linguistico forense ha il compito di accorciare le distanze tra lingue e culture ed è il protagonista del confronto tra le diversità culturali e linguistiche. Le aree d’intervento e di necessità del mediatore linguistico e culturale sono le più svariate.

 

La presenza di questa figura è richiesta nelle istituzioni pubbliche come Ministeri, enti pubblici e Regioni tanto quanto nelle istituzioni scolastiche, educative ed assistenziali, per agevolare e mediare il confronto con le problematiche della multietnicità ed interculturalità proprie delle diverse aree del paese. La volontà è  quella di rivelare quanto sia necessaria e fondamentale una figura come quella del mediatore linguistico e culturale forense, perché grazie a questa scienza  possiamo parlare di integrazione, uguaglianza dei riconoscimento dei diritti di tutti senza distinzione di razza, sesso e religione.

Che tipo di testi analizzano i linguisti forensi?

La tipologia dei testi  trattati da un linguista forense dipende dal caso a cui sono stati assegnati e dal tipo di reato oggetto di indagine.

Come linguista forense si possono analizzare:

Contratti
Testamenti
Confessioni
Trascrizioni telefoniche
lettere di suicidio
Lettere di riscatto
Avvertenze sul prodotto
Marchi e diritti d’autore
Dichiarazioni dei testimoni
Trascrizioni dei colloqui di polizia
Trascrizioni giudiziarie
Testi, e-mail e altre forme di comunicazione elettronica

Come  fare carriera nella linguistica forense?

Trovare lavoro nella linguistica forense in Italia  non è sempre facile .Bisogna acquisire  una serie di competenze, esperienze e qualifiche rilevanti per entrare nel settore.

Competenze

Oltre ad avere una conoscenza approfondita delle tecniche di analisi linguistica, e la consapevolezza di come la lingua influenza il significato , è necessario  anche possedere  serie di “soft skills” per entrare nel settore.

Si dovranno aggiungere nel   CV e aiuterà i selezionatori a prendere in considerazione   la candidatura  per:

Curiosità
Capacità di osservazione
Pazienza e determinazione
Attenzione al dettaglio
Buone capacità di comunicazione
Tatto e discrezione

Formazione

Il livello di formazione necessario per trovare un lavoro nella linguistica forense può variare, ma la maggior parte dei datori di lavoro cercherà candidati con un  diploma di laurea o diploma post-laurea in linguistica forense.

Le scelte più comuni per gli insegnamenti   da seguire nei corsi  di laurea in Mediazione Linguistica comprendono la linguistica, l’inglese, le lingue straniere, l’informatica, la comunicazione e  l’antropologia culturale.

Prendere corsi di sociologia, psicologia e comportamento umano (così come i programmi relativi a strumenti e tecniche forensi) sono anche un ottimo modo per ottenere una migliore comprensione del settore ,senza parlare  di sapersi distinguere  nelle scelte effettuate nel corso di studi.

Imparare un’altra lingua potrebbe anche essere essenziale per i ruoli che implicano la traduzione.

Esperienza lavorativa

In generale, i datori di lavoro daranno la precedenza alla  formazione piuttosto che all’esperienza di lavoro diretto , ma entrare nella linguistica forense come nuovo settore può essere difficile se non si ha alcuna competenza pratica.

Dopo aver conseguito la laurea , si può provare a fare  del volontariato o ottenere un posto di lavoro presso un’organizzazione in cui si desidera  lavorare, in quanto  potrebbe essere  un ottimo modo per entrare nel settore  e fare carriera .

Esperienze in campi simili come  lavorare nel sociale, nella traduzione e nei linguaggi settoriali possono migliorare le  possibilità di essere considerati, in quanto si dimostrerà ai datori di lavoro che si è in grado di comprendere il comportamento umano.

Inoltre, qualsiasi esperienza precedente in campo giuridico migliorerà anche la  conoscenza dei procedimenti giudiziari e  aiuterà a comprendere meglio i processi legati alla linguistica forense.

 

Nella Linguistica forense  la ricerca si articola in varie direzioni:



1) La fase delle indagini preliminari, con particolare attenzione alle intercettazioni telefoniche e ambientali in senso stretto  ed alle varie e complesse attività di verbalizzazione (d’intercettazione, di sommarie informazioni, di spontanee dichiarazioni, d’interrogatorio, d’informazione, d’udienza, ecc.), anche in rapporto alla loro ricaduta nel Processo.
2)  Processi penali (dal primo grado fino alla Cassazione), analizzati  dal Dibattimento  come evento linguistico ritualizzato e codificato e di interazione orale tipicamente asimmetrica fino alla Sentenza e ai successivi gradi di Giudizio.
3) L’interazione giudiziaria con persone in condizioni di svantaggio sociolinguistico e socioculturale: cittadini di estrazione sociale e culturale bassa, immigrati, donne, minori, persone con disagi/disturbi psichici, ecc.. Questo aspetto della ricerca  intende individuare sia i problemi interazionali di natura linguistica, sia gli eventuali stereotipi documentati nell’interazione.
4) La dialettologia forense: la dialettofonia all’interno dei procedimenti penali.
5) La conversione dell’oralità del Dibattimento nella trascrizione degli Atti.
6) I processi civili, anche in considerazione  d’impatto sulla cittadinanza; l’oralità e le tecniche di mediazione/conciliazione nel processo civile.
7) La procedura di scrittura degli operatori del diritto e la redazione dei provvedimenti. La videoscrittura in ambito giudiziario.
8) La comunicazione pubblica (scritta, trasmessa e telematica) delle Istituzioni preposte all’attuazione della Giustizia e alla prevenzione del crimine. La revisione linguistica e la semplificazione della comunicazione pubblica e di testi istituzionali.
9) La lingua settoriale giudiziaria . Come in tutti i settori della lingua italiana, l’analisi diacronica risulta fondamentale anche per la comprensione delle dinamiche sociolinguistiche attuali. Prendere in considerazione le sovrapposizioni e le interferenze fra lingua giudiziaria e lingua giuridica.
10) La formazione e l’aggiornamento linguistico dei professionisti del settore, a partire da una definizione delle competenze linguistiche indispensabili, da introdurre omogeneamente nella formazione professionale e nell’aggiornamento di: Operatori del diritto (Magistrati e Avvocati), Polizia Giudiziaria,  ecc.
11) La radio- e tele-trasmissione di processi penali e la rappresentazione massmediatica della Giustizia. La ricerca prende in considerazione ed analizza la mediazione linguistica dei giornalisti e le caratteristiche linguistiche dei diversi ‘contenitori’ mediatici (orali e scritti), sia in relazione alla rappresentazione della Giustizia in generale che alla cronaca giudiziaria. Sono inclusi fiction, talk show e altre trasmissioni televisive, documentari, film e produzioni cinematografiche. L’analisi è finalizzata anche a formazione e aggiornamento degli Operatori dei media, a partire da giornalisti, conduttori, ecc.
12) L’aggiornamento dei docenti, in modo che possano svolgere compiti di: a) educazione linguistica alla legalità democratica; b) educazione all’analisi di testi non letterari, interazioni asimmetriche, variazione del repertorio linguistico e usi speciali della lingua in ‘ambito giuridico e giudiziario. Attualmente, gli studenti non vengono quasi mai addestrati a leggere e comprendere una legge o a conoscere l’Istituzione Giustizia nei suoi meccanismi e contesti di attuazione, pur essendo la Giustizia una parte importante della vita pubblica e democratica di un Paese, a cui tutti i cittadini sono chiamati a partecipare attivamente e responsabilmente. Gli studenti  sono spesso  privi di strumenti  per poter valutare autonomamente anche le informazioni che vengono loro trasmesse dai mezzi di comunicazione di massa.  Si tratta di fornire strumenti linguistici indispensabili anche per la realizzazione della  dimensione di “cittadini”.

13) La Giustizia nell’arte e nella cultura: la rappresentazione della Giustizia nella letteratura, nel cinema, nel teatro.

La ricerca intende  inoltre analizzare:

Lo studio del linguaggio della legge,  dei documenti legali  dei tribunali, della polizia, e degli ambienti carcerari;
 

  La riduzione del linguaggio in base  ai sistemi di disuguaglianza e svantaggio nel sistema giuridico;

La collaborazione e lo scambio di idee e informazioni tra le comunità legale e linguistica 
Passare dalla ricerca  alla pratica: con il miglioramento  e l’etica della testimonianza di esperti con la presentazione di prove linguistichel’ interpretariato e traduzione legali;
Migliorare l’ iterazione pubblica con la collaborazione tra linguisti e operatori della giustizia.

Obiettivi ulteriori

Ulteriori scopi comprendono:
Promuovere gli interessi dei linguisti impegnati nella ricerca per lo sviluppo e la pratica della linguistica forense;
Diffondere la conoscenza dell’ analisi del linguaggio e le sue applicazioni forensitra i professionisti della giustizia ;
Elaborare un codice di condotta in materia di deposizione in udienza, nella scrittura ufficiale, nelle relazioni,ecc;

Master Professionale in Interpretariato, Traduzione e linguistica forense on line

Per saperne di più

 

 

Il Mediatore Linguistico,Interprete Traduttore come grande conoscitore di storia e cultura delle lingue oggetto di lavoro

Giornali e commentatori hanno parlato dell’interprete del presidente Usa durante la conferenza stampa congiunta con il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, in visita a Washington DC. Hanno riferito  che il Presidente Donald Trump avrebbe detto che gli Stati Uniti e l’Italia sono uniti dalla condivisione di un’eredità culturale e politica antica migliaia di anni. Gli stessi giornali hanno osservato che gli Stati Uniti non solo non esistevano, ovviamente, ai tempi di Roma, ma l’intero continente americano non sarebbe stato scoperto prima di un altro millennio.

La realtà è molto diversa.  Trump non è uno storico raffinato né un docente universitario, ma un buisnessman, un uomo d’affari estremamente pragmatico e dalla comunicazione immediata ed efficace, non è un illetterato ed ha frequentato la Wharton School of Finance and Commerce dell’Università della Pennsylvania, una delle migliori facoltà di economia di tutte le università statunitensi, dove si è laureato in economia.

Il  discorso di Trumpf è stato completamente travisato o volutamente mal interpretato. “Gli Stati Uniti e l’Italia sono legati da un’eredità culturale e politica condivisa, antica migliaia di anni” ha detto Trump. “Dall’Antica Roma – ha specificato il presidente Usa – nei secoli il popolo italiano ha contribuito ad accrescere la civilizzazione con magnifiche opere d’arte, scienza, filosofia, architettura e musica. Lunedì scorso noi abbiamo dato il nostro tributo all’italiano che ha scoperto un Nuovo Mondo, un genovese che si chiamava Cristoforo Colombo. E per me quel giorno si chiamerà sempre Columbus Day. A qualcuno non piace, a me sì”.

Roma è stata intesa da Trump come culla della civiltà. E’ forse sbagliato? Non ha minimamente parlato di alcuna alleanza fra Usa e Italia, come dei giornali  hanno erroneamente scritto e riportato e ha detto  qualcosa di perfettamente sensato. Ha fatto riferimento al legame ideale tra i Padri fondatori americani e le istituzioni democratiche romane. I Padri fondatori americani   studiarono approfonditamente la storia e i classici dell’epoca repubblicana romana.  I  luoghi del potere americano sono pieni di riferimenti alla Roma repubblicana: dalle aquile ai fasci al Campidoglio al Panteon.

Come ha poi precisato anche l’account ufficiale della Casa Bianca “gli Stati Uniti e l’Italia sono uniti da un patrimonio culturale e politico condiviso che risale a migliaia di anni fa nell’antica Roma“.

OVAL OFFICE: President Trump FULL Meeting With Italian President

Per Saperne di più:

Ci sono molte similitudini fra Washington DC e la Città Eterna

Washington DC (District of Columbia)
La capitale federale degli USA  ricorda Roma  perché DC (come la chiamano gli americani) fu progettata e costruita alla fine del XVIII secolo e precisamente nel 1791, come la New Rome, la Nuova Roma.
Questa imitazione di Roma non c’è solo negli edifici monumentali e più importanti ma anche nelle decorazioni dei palazzi pubblici, costruiti in stile neoclassico nel XIX e XX secolo.

Il National Mall

Il centro monumentale e amministrativo, il National Mall.
Innanzitutto Capitol Hill, il quartiere della politica sede della Camera dei Deputati e del Senato.
Già dal nome , Campidoglio pensiamo a Roma. Poi la Cupola fu costruita ispirandosi alla cupola michelangiolesca di San Pietro in Vaticano.

 

L’affresco della cupola, l’”Apoteosi di George Washington”, fu realizzato dal pittore romano Costantino Brumidi, che a Roma lavorò per i Torlonia e per papà Gregorio XVI in Vaticano.

 

 

Emigrato poi negli USA, divenne a poco a poco l’artista ufficiale del governo, tanto da essere chiamato il Michelangelo Americano.

Washington DC è stata costruita in conformità ai principi  antichi. Il Campidoglio è una parte vitale del progetto . La caratteristica più importante di esso è naturalmente la sua cupola imponente, che ha un forte significato simbolico.  Sorprendentemente simile a quello di Piazza san Pietro in Vaticano, dove anche  un obelisco gigante è di fronte ad una cupola gigante.

Ritroviamo la stessa  disposizione  a Parigi, ad Astana e in molte altre città. Non è una coincidenza: questa disposizione comporta un importante significato alchemico. In quasi tutte le culture la cupola è stata associata con il principio femminile, il grembo, la matrice. Contrario ad essa è l’obelisco, l’antico simbolo fallico egizio che rappresenta il principio maschile.  Il tema dell’unione dei principi maschile e femminile è molto comune nell’architettura occulta ed è sicuramente la più facilmente riconoscibile.

 

STATUA DELLA LIBERTA’

In cima alla cupola del Campidoglio vi è l’enigmatica statua della libertà in piedi su una forma sferica, che probabilmente rappresenta la Terra. Intorno a questo globo è inciso il motto “E Pluribus Unum” (Da molti, uno).

La cupola del Campidoglio, nelle sue caratteristiche offre un quadro significativo e rivela la filosofia, gli obiettivi spirituali e politici dei Padri Fondatori.

Per Saperne di più:

https://astrambienteturismoroma.blogspot.com/2010/12/roma-e-gli-illminati-bernini-era-un.html

https://astrambienteturismoroma.blogspot.com/2010/12/bernini-e-gli-illuminati-il-simbolo.html

https://www.itajos.com/BIBLIOTECA/Padri_Fondatori_USA_Satanisti.pdf

 

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DELL’INTERPRETE E LA SUA INVISIBILITA’

Tanti giornali hanno parlato dell’interprete italiana  nell’incontro  tra il nostro Presidente Mattarella e il Preseidente Trump.

 

Elisabetta Savigni Ullmann, interprete ufficiale alla Casa Bianca e docente all’Università del Maryland è diventata famosa grazie a un video ormai diventato virale per via delle espressioni facciali  mentre cerca di “tradurre” o meglio   interpretare e a quanto dicono la maggior parte dei giornali, gli “svarioni” lessicali o cosa dice  il presidente USA.

E’ una fake news   che la“traduttrice” come erroneamente la chiamano i giornali, e cioè  l‘interprete  italiana  avrebbe reagito con quell’espressione incredula e sbigottita a ciò che diceva Trump.  Il video virale fa riferimento all’incontro tenutosi presso lo Studio Ovale, dove si è parlato  di tante cose interessanti . E’ sufficiente guardare il filmato completo per rendersi conto che non c’è assolutamente nulla di rilevante nell’espressione dell’interprete.

Come scrive anche l’ottimo articolo di  Deborah Giustini :  l’espressione della donna incaricata di interpretare in consecutiva in italiano le parole di Donald Trump non è di stupore, ma piuttosto di concentrazione,  per la difficoltà dell’interpretazione consecutiva . L’unico errore che l’interprete commette è quella di non rispettare le regole deontologiche dell’invisibilità che deve essere garantita ad ogni interprete. Il restare  “invisibile” un po’ nascosta dalla sedia degli oratori in questo caso del presidente Trump e non stabilire alcune regole deontologiche con i cameramen che non devono riprenderla altrimenti non concedere la liberatoria è stato l’errore principale che ha scatenato tutte le false notizie.

Questo articolo vuole porre l’attenzione sul ruolo di invisibilità che dovrebbe appartenere  a un interprete e su occasioni in cui invece alcuni interpreti, seppur assolvendo pienamente al loro incarico, hanno involontariamente attirato l’attenzione su di loro e, proprio per questo, sono diventati noti loro malgrado.

La dottoressa Elisabetta Savigni Ullmann, attualmente docente all’Università del Maryland e già interprete italiana dei passati presidenti Clinton, Bush e Obama, nonostante la sua pluriennale esperienza nel settore non è riuscita a risultare invisibile;

Nell’epoca dei social media, tali gaffe, dovute  anche all’ interprete, sono diventate virali nel giro di poche ore, così come le immagini ritraenti il volto quasi imbarazzato e sconcertato della Dott.ssa Savigni Ullmann. Twitter, Facebook e persino le principali testate giornalistiche hanno riportato e condiviso tali momenti imbarazzanti, mettendo in primo piano le espressioni facciali dell’interprete.

Su YouTube si può trovare il video completo dell’incontro tra il presidente Trump e il presidente Mattarella, ma anche molti altri video inerenti le difficoltà cui gli interpreti vanno incontro quando si trovano a dover riportare frasi non pienamente comprensibili o con cui si trovano forse in imbarazzo (qui sotto, ad esempio, trovate uno spezzone tratto dal programma americano The Daily Show in cui gli interpreti di personalità note, tra cui il già citato Presidente Trump, si trovano a dover rispondere in chiave ironica a questioni su tali impasse).

Il Presidente Trump non ha mai chiamato “Mozzarella” la più alta carica istituzionale dello Stato Italiano, come un filmato circolato in rete faceva intendere.

E’ possibile controllare la trascrizione  sul sito della Casa Bianca .

Ma chi è l’interprete ?

Si chiama Elisabetta Savigni Ullmann, interprete ufficiale alla Casa Bianca e docente all’Università del Maryland. Due anni fa, ospite d’onore in un convegno a Pisa sulla possibilità che l’intelligenza artificiale potesse sostituire l’interpretazione umana, spiegò che l’intervento umano non si basa soltanto sulla traduzione, ma su tantissimi aspetti «che vanno dall’espressione facciale alla mediazione culturale» e dunque a oggi il computer non può sostituire una corretta traduzione. Purtroppo l’interprete non deve interpretare le espressioni facciali ma ciò che dice un oratore , senza aggiungere né fraintendere ciò che l’oratore afferma. Deve comprendere ed interpretare il suo discorso basandosi anche sulla comunicazione non verbale e sulla cultura che la lingua contiene nelle espressioni, nel contesto e tanto altro . Forse un algoritmo nell’ascoltare le parole del presidente Usa davanti al nostro Mattarella sarebbe stato  meno oggetto delle Fake News  riportate dai giornali italiani. E chissà se l’algoritmo sarebbe stato in grado di interpretare meglio dei giornali le espressioni della traduttrice /interprete?

 

Portiamo ora un esempio di un nostro interprete  che si fa paladino dell’invisibilità del mediatore e di lui  conosciamo certamente più la voce che il volto, non solo in Italia, ma anche all’estero, ossia Paolo Maria Noseda. Interprete storico della trasmissione “Che tempo che fa”, oltre che di moltissime altre trasmissioni televisive e interprete personale di personaggi come Patti Smith e Roberto Saviano, nonché di altre innumerevoli personalità .

Nel suo libro “La voce degli altri”, Noseda definisce l’interprete come “colui che mette in comunicazione due mondi” e per farlo, afferma sempre l’autore in una sua intervista del 2013, “devi essere estremamente severo con te stesso e anche molto curioso. La curiosità è un po’ una chiave di volta di tutto. Stratagemmi no, piuttosto tanta tecnica”. E, aggiunge, molto studio e conoscenza della persona che dovrai tradurre, a voce o per iscritto. “Ho appena tradotto Eduardo Galeano. […] Io avevo letto due suoi libri e ho dovuto leggermene dodici. […] si deve conoscere quello che la persona ha fatto, il suo ambiente, dove vive, quello che fa, come si comporta tutti i giorni e, a volte, anche i pettegolezzi sono necessari. Solo così posso farmi un quadro di chi sia la persona che ho di fronte. Il mio lavoro non è semplicemente tradurre, ma entrare nel cervello e nel cuore delle persone e cercare di prendere un pezzettino di questo cuore e di questo cervello e farlo capire agli altri.

In merito a quanto sopra accennato riguardo il ruolo di invisibilità  dell’interprete, Noseda afferma: “La gente mi chiede perché non mi faccio intervistare da Fazio, il mio lavoro non è quello di essere intervistato: se io avessi voluto fare l’attore o il personaggio pubblico lo avrei già fatto. Ma il mio lavoro è stare dietro le quinte e prestare la mia voce nel miglior modo possibile per le persone se mi mettono nelle condizioni di lavorare. […] Riesco ad essere molto neutro sui personaggi che devo interpretare perché loro sono loro, non sono io.”

 

 

 

Master professionale in Traduzione Audiovisiva on line

international_audiovisual_0

Tradurre significa trasporre da una lingua ad un’altra il contenuto del testo originale. Facile a dirsi, difficile da attuare, specialmente quando si tratta del mondo dell’audiovisivo. Quanto è importante restare fedeli al copione/script di partenza?

Il master professionale intende formare, secondo gli standard richiesti dal mercato, una figura professionale che sappia tradurre e adattare nella propria lingua un’opera straniera, relazionandosi con l’intera filiera della post-produzione; occuparsi dell’inserimento di sottotitoli extralinguistici, intralinguistici e in diretta mediante software professionali; permettere l’accessibilità di opere multimediali ai non vedenti attraverso l’audiodescrizione.

 Obiettivi

  • Acquisire consapevolezza di tutte le fasi di post-produzione
  • Affinare l’uso dell’italiano per la produzione di liste dialoghi corrette nella forma e nella resa
  • Apprendere le strategie e tecniche della traduzione
  • Rielaborare e adattare il copione di partenza alla cultura di arrivo, in modo da suscitare le stesse emozioni tra i destinatari dell’opera
  • Apprendere le tecniche di oversound, simil-sync e sincronismo labiale per la sala di doppiaggio
  • Apprendere le tecniche e i protocolli di sottotitolaggio extralinguistico, intralinguistico e in diretta con utilizzo pratico di software professionali
  • Acquisire i fondamenti dell’audiodescrizione, le sue tecniche per il cinema, la televisione e i musei

Destinatari
Il master professionale si rivolge principalmente a:

  • Traduttori e/o Interpreti;
  • Studenti e/o professionisti con un livello B2 della lingua inglese (QCER) e/o il diploma di laurea triennale o titoli di studio equipollenti.
  • Appassionati della traduzione audiovisiva

Metodo Didattico

Il master professionale on line prevede di lezioni frontali in aula e  ore di tirocinio  (in presenza o in smart working). Inoltre, si prevede l’organizzazione di workshop e seminari che vedranno coinvolte personalità autorevoli del settore e la partecipazione ad eventi nazionali ed internazionali afferenti al mondo dell’audiovisivo.

Ogni studente sarà seguito singolarmente lungo tutto il percorso e riceverà correzioni e suggerimenti ad hoc, al fine di colmare le proprie lacune e rafforzare i propri punti di forza.  Il corso è strutturato in moduli con lezioni on line .

Modulo A

  1. Introduzione linguistica abbinata all’audiovisivo 
  2. Studio e interpretazione dei personaggi

Modulo B

  1. Pre-adattamento
  2. Adattamento dialoghi oversound, simil-sync e sincronismo labiale
  3. Audiodescrizione 

Modulo C

  1. Sottotitolazione 
  2. Sottotitolazione in diretta 

Stage e tirocinio

Sono previste  tirocini  con sale di doppiaggio e sottotitolaggio. Nelle scorse edizioni è stata aperta una collaborazione in convenzione con  aziende di settore.

Conseguimento del titolo finale

Il conseguimento del titolo è subordinato  allo svolgimento delle esercitazioni assegnate dai docenti ed alla partecipazione alle attività extracurriculari (seminari, workshop, tirocini…). Al termine delle lezioni frontali e del tirocinio verrà rilasciato un “Certificato di raggiunta Professionalità”.

Modalità di Iscrizione

L’ammissione al master professionale è subordinata alla valutazione del proprio curriculum da allegare alla domanda e da spedire a:  bisirri@ssit.it

E’ previsto inoltre un colloquio conoscitivo/valutativo, volto a valutare le conoscenze del candidato e la sua attitudine allo svolgimento della professione, nonché una prova di traduzione on line.

Info:

bisirri@ssit.it

 

 

Traduzione e Interpretariato: Opportunità di lavoro e tirocinio per gli studenti delle SSML aderenti ad AUPIU

slide

Per tutti i nostri studenti  durante gli studi triennali  e   per i frequentanti corsi di alta formazione professionale delle SSML si apre le opportunità offerte da Unitaliaservizi (UNITALIA – Associazione italiana traduttori e interpreti, mediatori linguistici, adattatori dell’audiovisivo).

L’Associazione promuove le professioni tramite l’aggiornamento professionale  e le migliori condizioni e prestazioni di lavoro di traduttori e interpreti, mediatori linguistici, adattatori dell’audiovisivo e ne garantisce il rispetto. Realizza iniziative legislative volte al riconoscimento di uno stato giuridico professionale, del diritto d’autore a favore dei traduttori e dell’insegnamento della tecnica e pratica  di traduzione in istituti di istruzione a vari livelli.
Infine, promuove l’aggiornamento professionale di traduttori e interpreti, delle carriere della Mediazione linguistica, della traduzione per l’adattamento, la sottotitolazione e l’audio descrizione, la raccolta e la diffusione di informazioni riguardanti la professione, nonché la collaborazione con gli istituti di formazione di traduttori e interpreti e delle carriere della mediazione linguistica.

interpretation-services

L’Associazione UNITALIA fornisce servizi di traduzione scritta, interpretariato, mediazione linguistica plurilingue, traduzione ed adattamento per i servizi degli audiovisivi plurilingue, sottotitolazione ed audio descrizione.

Grazie alle tecniche di simultanea, consecutiva, chuchotage e trattativa, l’associazione è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza organizzativa in campo linguistico e congressuale.

professional_service3

Una realtà professionale di tutte le SSML aderenti all’associazione AUPIU. Molti  Clienti come la Camera dei Deputati, il Senato, diverse ONG ed aziende di organizzazione congressuale, oltre a Ministeri ed Enti pubblici, si sono serviti degli interpreti e traduttori  provenienti da Unitalia anche tramite richieste fatte presso le stesse Scuole Superiori per Mediazione Linguistica.

Ogni anno le richieste alle SSML   aumentano con grande orgoglio dello staff e degli studenti e dei corsisti che si preparano per diventare dei  professionisti e che partecipano, oltre che allo studio, anche alla vita professionale e al fermento lavorativo che circonda le SSML aderenti  all’AUPIU.

L’impegno, la serietà e la grande motivazione sono i requisiti fondamentali per accedere alle opportunità UNITALIAservizi, che spaziano da stage, a servizi gratuiti di traduzione ed interpretariato per ONLUS, fino alla partecipazione a grandi eventi ed all’inserimento nel settore più prestigioso: l’interpretariato di conferenza e la traduzione editoriale.

Un’opportunità per molti, un trampolino per tutti coloro che vogliono davvero entrare dalla porta principale della professionalità linguistica.

Chiedi informazione

 

Un servizio UNITALIAservizi  per voi.