DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DELL’INTERPRETE E LA SUA INVISIBILITA’

Tanti giornali hanno parlato dell’interprete italiana  nell’incontro  tra il nostro Presidente Mattarella e il Preseidente Trump.

 

Elisabetta Savigni Ullmann, interprete ufficiale alla Casa Bianca e docente all’Università del Maryland è diventata famosa grazie a un video ormai diventato virale per via delle espressioni facciali  mentre cerca di “tradurre” o meglio   interpretare e a quanto dicono la maggior parte dei giornali, gli “svarioni” lessicali o cosa dice  il presidente USA.

E’ una fake news   che la“traduttrice” come erroneamente la chiamano i giornali, e cioè  l‘interprete  italiana  avrebbe reagito con quell’espressione incredula e sbigottita a ciò che diceva Trump.  Il video virale fa riferimento all’incontro tenutosi presso lo Studio Ovale, dove si è parlato  di tante cose interessanti . E’ sufficiente guardare il filmato completo per rendersi conto che non c’è assolutamente nulla di rilevante nell’espressione dell’interprete.

Come scrive anche l’ottimo articolo di  Deborah Giustini :  l’espressione della donna incaricata di interpretare in consecutiva in italiano le parole di Donald Trump non è di stupore, ma piuttosto di concentrazione,  per la difficoltà dell’interpretazione consecutiva . L’unico errore che l’interprete commette è quella di non rispettare le regole deontologiche dell’invisibilità che deve essere garantita ad ogni interprete. Il restare  “invisibile” un po’ nascosta dalla sedia degli oratori in questo caso del presidente Trump e non stabilire alcune regole deontologiche con i cameramen che non devono riprenderla altrimenti non concedere la liberatoria è stato l’errore principale che ha scatenato tutte le false notizie.

Questo articolo vuole porre l’attenzione sul ruolo di invisibilità che dovrebbe appartenere  a un interprete e su occasioni in cui invece alcuni interpreti, seppur assolvendo pienamente al loro incarico, hanno involontariamente attirato l’attenzione su di loro e, proprio per questo, sono diventati noti loro malgrado.

La dottoressa Elisabetta Savigni Ullmann, attualmente docente all’Università del Maryland e già interprete italiana dei passati presidenti Clinton, Bush e Obama, nonostante la sua pluriennale esperienza nel settore non è riuscita a risultare invisibile;

Nell’epoca dei social media, tali gaffe, dovute  anche all’ interprete, sono diventate virali nel giro di poche ore, così come le immagini ritraenti il volto quasi imbarazzato e sconcertato della Dott.ssa Savigni Ullmann. Twitter, Facebook e persino le principali testate giornalistiche hanno riportato e condiviso tali momenti imbarazzanti, mettendo in primo piano le espressioni facciali dell’interprete.

Su YouTube si può trovare il video completo dell’incontro tra il presidente Trump e il presidente Mattarella, ma anche molti altri video inerenti le difficoltà cui gli interpreti vanno incontro quando si trovano a dover riportare frasi non pienamente comprensibili o con cui si trovano forse in imbarazzo (qui sotto, ad esempio, trovate uno spezzone tratto dal programma americano The Daily Show in cui gli interpreti di personalità note, tra cui il già citato Presidente Trump, si trovano a dover rispondere in chiave ironica a questioni su tali impasse).

Il Presidente Trump non ha mai chiamato “Mozzarella” la più alta carica istituzionale dello Stato Italiano, come un filmato circolato in rete faceva intendere.

E’ possibile controllare la trascrizione  sul sito della Casa Bianca .

Ma chi è l’interprete ?

Si chiama Elisabetta Savigni Ullmann, interprete ufficiale alla Casa Bianca e docente all’Università del Maryland. Due anni fa, ospite d’onore in un convegno a Pisa sulla possibilità che l’intelligenza artificiale potesse sostituire l’interpretazione umana, spiegò che l’intervento umano non si basa soltanto sulla traduzione, ma su tantissimi aspetti «che vanno dall’espressione facciale alla mediazione culturale» e dunque a oggi il computer non può sostituire una corretta traduzione. Purtroppo l’interprete non deve interpretare le espressioni facciali ma ciò che dice un oratore , senza aggiungere né fraintendere ciò che l’oratore afferma. Deve comprendere ed interpretare il suo discorso basandosi anche sulla comunicazione non verbale e sulla cultura che la lingua contiene nelle espressioni, nel contesto e tanto altro . Forse un algoritmo nell’ascoltare le parole del presidente Usa davanti al nostro Mattarella sarebbe stato  meno oggetto delle Fake News  riportate dai giornali italiani. E chissà se l’algoritmo sarebbe stato in grado di interpretare meglio dei giornali le espressioni della traduttrice /interprete?

 

Portiamo ora un esempio di un nostro interprete  che si fa paladino dell’invisibilità del mediatore e di lui  conosciamo certamente più la voce che il volto, non solo in Italia, ma anche all’estero, ossia Paolo Maria Noseda. Interprete storico della trasmissione “Che tempo che fa”, oltre che di moltissime altre trasmissioni televisive e interprete personale di personaggi come Patti Smith e Roberto Saviano, nonché di altre innumerevoli personalità .

Nel suo libro “La voce degli altri”, Noseda definisce l’interprete come “colui che mette in comunicazione due mondi” e per farlo, afferma sempre l’autore in una sua intervista del 2013, “devi essere estremamente severo con te stesso e anche molto curioso. La curiosità è un po’ una chiave di volta di tutto. Stratagemmi no, piuttosto tanta tecnica”. E, aggiunge, molto studio e conoscenza della persona che dovrai tradurre, a voce o per iscritto. “Ho appena tradotto Eduardo Galeano. […] Io avevo letto due suoi libri e ho dovuto leggermene dodici. […] si deve conoscere quello che la persona ha fatto, il suo ambiente, dove vive, quello che fa, come si comporta tutti i giorni e, a volte, anche i pettegolezzi sono necessari. Solo così posso farmi un quadro di chi sia la persona che ho di fronte. Il mio lavoro non è semplicemente tradurre, ma entrare nel cervello e nel cuore delle persone e cercare di prendere un pezzettino di questo cuore e di questo cervello e farlo capire agli altri.

In merito a quanto sopra accennato riguardo il ruolo di invisibilità  dell’interprete, Noseda afferma: “La gente mi chiede perché non mi faccio intervistare da Fazio, il mio lavoro non è quello di essere intervistato: se io avessi voluto fare l’attore o il personaggio pubblico lo avrei già fatto. Ma il mio lavoro è stare dietro le quinte e prestare la mia voce nel miglior modo possibile per le persone se mi mettono nelle condizioni di lavorare. […] Riesco ad essere molto neutro sui personaggi che devo interpretare perché loro sono loro, non sono io.”

 

 

 

Corso di Laurea in mediazione Linguistica Interpreti e traduttori per studenti lavoratori

Inglese , francese, spagnolo e tante altre da attivare su richiesta sono  le lingue che si studiano alla SSML San Domenico per Interpreti e Traduttori Corso di laurea    promosso da UNITALIA per studenti lavoratori

Punti di forza

UNITALIA associazione delle professioni degli interpreti traduttori intende promuovere e sviluppare le peculiarità che sono della formazione offerta dalle SSML  in Italia, peculiarità che le distingue dalle “Università” italiane che  come tutti sappiamo hanno una formazione culturale e non professionalizzante orientata al lavoro. La nostra formazione mirata agli studenti  lavoratori intende offrire  una formazione con la frequenza in modalità blended on line coadiuvata dal grande lavoro dei tutor  che seguono gli studenti .

Il nostro corso offre:

  • un rapporto personale e diretto con gli allievi (riconducibile alla frequenza obbligatoria in modalità Blended e e all’impegno profuso a mantenere un numero ridotto di studenti )
  • la volontà di offrire solo percorsi formativi completi e rilevanti per l’inserimento nel mercato del lavoro
  • la scelta di reclutare il personale docente tra i professionisti di fascia alta del mondo della traduzione e dell’interpretazione, scegliendo solo interpreti o traduttori  professionisti che lavorano con UNITALIA e possono  aiutare l’inserimento nel mondo del lavoro e della professione
  • A più di 25 anni dalla sua nascita, la peculiarità del sistema 3 + 2 permette oggi alle SSML di offrire un corso triennale pienamente riconosciuto e accreditato secondo il sistema universitario italiano (Mediazione linguistica, Classe L-12 delle lauree nazionali) e un biennio di specializzazione modellato a differenza delle “Università” su un sistema mirato alle reali Professioni dell’Interpretariato e della Traduzione  (Laurea  magistrale LM94  in traduzione Specialistica e Interpretariato di Conferenza).

Questa unica peculiarità delle SSML  consente a chi vi studia  di favorire la mobilità degli studenti e dei docenti, la spendibilità dei titoli, nonché la competitività e l’attrattiva delle istituzioni” che nelle parole della Dichiarazione di Bologna del 1998 costituisce l’obiettivo dei quasi 50 Paesi firmatari.

UNITALIA si avvale della piattaforma della SSML San Domenico per formare in modalità blended  gli studenti lavoratori

La SSML San Domenico per Interpreti e Traduttori è tra i pochi istituti di livello universitario in Italia a essere entrata a far parte del programma di traduzione e interpretazione  con UNITALIA  con formazione  con utilizzo di software professionale di traduzione assistita.

Per informazioni:

infocorsi@ssmlsandomenico.it

Presidente UNITALIA

bisirri@ssit.it

 

 

 

 

 

 

Finalmente anche le SSML avranno la Laurea Magistrale LM 94:Pubblicato in G.U. il decreto sull’ istituzione dei corsi universitari di secondo ciclo per mediatori linguistici

Pubblicato in G.U. il regolamento recante modifiche al decreto 10 gennaio 2002, n. 38, per il riordino della disciplina delle scuole di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697, adottato in attuazione dell’articolo 17, comma 96, lettera a), della legge 15 maggio 1997, n. 127.

Nell’articolo 1 si legge che il regolamento si applica alle scuole superiori per
mediatori linguistici di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697.

Nell’art. 4  leggiamo che le Scuole Superiori per Mediatori Linguistici gia’ riconosciute ai sensi del decreto, e che hanno attivato corsi di studio di durata triennale da almeno sei anni, possono attivare previo accreditamento corsi di secondo ciclo di durata biennale.

I titoli di studio rilasciati all’esito dei corsi di secondo
ciclo sono equivalenti alle lauree magistrali della classe LM-94
«Traduzione specialistica ed interpretariato»

Il Decreto  è in vigore dal 19 giugno.

Finalmente dopo anni di attesa i nostri professionisti potranno continuare nelle loro sedi di formazione ed ottenere il titolo con le competenze desiderate , senza perdere tempo in altre sedi che non potranno  mai preparali alla professione di interprete di conferenza o traduttore per l’audiovisivo o altre professioni specifiche inerenti il mondo delle professioni in continua evoluzione.

Per saperne di più:

e-mail: bisirri@ssit.it

interpreting

 

MEMORIA ED INTERPRETAZIONE CONSECUTIVA E SIMULTANEA

Nell’interpretazione simultanea il discorso dell’oratore viene ascoltato, analizzato, suddiviso in segmenti di significato ed infine riformulato in un’altra lingua in un processo continuo in cui queste operazioni si susseguono e, in parte, si sovrappongono.

554824_orig.gif interpreting animata

Si tratta di un compito complesso che impegna tutte le facoltà dell’attenzione, cognitive e linguistiche dell’interprete: non è possibile seguire una buona prestazione in simultanea per più di 30 minuti consecutivi. Dopo questo tempo, intervengono segni di stanchezza che vengono percepiti dall’ascoltatore soprattutto come diminuzione della fluenza e della correttezza sintattica nell’espressione verbale dell’interprete.

Chiare Emiliozzi

All’interno di questo periodo di efficienza traduttiva, il professionista esperto svolge il suo compito con relativa facilità  e con una fluidità che risulta chiaro e piacevole all’ascolto : come se l’interprete enunciasse un suo pensiero e non stesse traducendo quello di un’altra persona.

ck2c

 

Questa situazione ottimale si può raggiungere soltanto dopo un lungo periodo di esercizio   e si attivano meccanismi automatici per alcune fasi di questa attività, ad esempio il superamento dell’ostacolo dovuto alla sovrapposizione delle due voci, il ritrovare senza sforzo frasi ed espressioni nella lingua d’arrivo e la capacità di operare un certo distacco tra l’enunciato dell’oratore e la propria riformulazione.

interpreting

La memoria costituisce un elemento essenziale nel processo interpretativo.

Nella fase di ricezione del messaggio è necessario memorizzare quanto si è appena udito per poter analizzare e successivamente tradurre le informazioni ricevute : mentre l’interprete ascolta un segmento di discorso nella lingua sorgente (SL), egli sta riformulando nella lingua d’arrivo (LA) il segmento di discorso precedentemente enunciato dall’oratore.

ck2e

Come viene suddiviso e assimilato il messaggio in simultanea ?

 

Le parole vengono recepite a gruppi, o unità di significato, che corrispondono al numero di unità che la memoria a breve termine riesce ad elaborare. Contemporaneamente  è in attività anche la memoria a lungo termine ( che contiene le informazioni previe o enciclopedia di conoscenze) e la memoria a medio termine ( che conserva gli elementi essenziali e il “piano” del discorso)  quest’ultima operazione mentale consente di cogliere i rapporti tra le varie parti del discorso e in ultima analisi di comprenderne il significato.

memory

Per quanto riguarda l’intervento dei vari tipi  di memoria nell’interpretazione simultanea è attivata sia la memoria a breve, che si limita all’analisi fonologica del discorso udito, sia la memoria cognitiva che analizza il contenuto semantico.

Seleskovitch definisce i due tipi di memoria in ” memoria letterale ” e “memoria sostanziale”; afferma che il primo tipo di memoria viene attivato soprattutto per ricordare e tradurre numeri, serie di nomi ecc. mentre il secondo è essenziale per ricordare  il messaggio contenuto in un discorso. La memoria letterale, che si applica alla struttura superficiale del discorso , è di breve durata, mentre l’informazione, elaborata a livello più profondo, è conservata più a lungo, in forma astratta, nella memoria sostanziale.

translation-process-nida-and-seleskovitch-in-deverbalization-refers-to-the-analysis-of

E’ difficile condurre studi sperimentali sugli aspetti  neurofisiologici e neuropsicologici della memoria in relazione all’interpretazione tanto più  è difficile realizzare una didattica ed una metodologia di carattere scientifico nell’insegnamento di tale disciplina.

 

Diversi studi sono stati condotti su aspetti dell’interpretazione simultanea. Tuttavia la letteratura su questo argomento non è molto ampia e vi sono tanti aspetti di questa disciplina che andrebbero ulteriormente indagati.

 

Mentre per l’interpretazione “consecutiva” possiamo parlare di metodologia per la presa di appunti che costituisce un ottimo strumento didattico, per l’interpretazione simultanea è più difficile creare una didattica ed una metodologia specifica.

 

 

Un dato interessante per condurre una ricerca in tale settore  è da considerare, che circa il 92 % della popolazione studentesca della SSML   Gregorio VII e della SSML San Domenico è costituita da donne. Una percentuale analoga di studentesse si riscontra anche nelle altre Scuole  per Mediatori Linguistici già SSIT aderenti ad AUPIU in Italia. Tale fenomeno si evidenzia in maniera maggiore tra gli interpreti professionisti che operano presso le organizzazioni internazionali iscritti ad UNITALIA.

Questi dati sembrerebbero indicare che le donne hanno una maggiore attitudine sia ad apprendere le lingue a elevati livelli di competenza che ad eseguire compiti complessi di natura motoria e cognitiva come quelli richiesti nell’ interpretazione Simultanea.

 

E’ possibile ipotizzare che tale predisposizione dipenda in parte dalla tendenza, nelle femmine, ad una maggiore simmetria cerebrale per le funzioni linguistiche e quindi, ad una maggiore partecipazione di entrambi gli emisferi a compiti linguistici complessi come l’interpretazione Simultanea.

 

Per quanto concerne la competenza linguistica degli studenti delle SSML, bisogna dire che l’interprete simultaneo deve avere una conoscenza approfondita di alcune lingue. Si accede con un esame di ammissione al primo anno, mediante il quale si valuta la conoscenza approfondita di almeno una lingua straniera , mentre la seconda lingua si accetta con conoscenze più modeste ed in alcuni casi  di studenti particolarmente motivati, si parte quasi da zero, offrendo un corso intensivo propedeutico prima dell’esame.

Memoria ed interpretazione

Nell’interpretazione simultanea  viene utilizzata maggiormente la memoria a breve termine.Tuttavia la memoria a lungo termine costituisce il bagaglio di supporto del mondo culturale che l’interprete deve possedere.

longmemory2

 

Traduzione e Interpretariato: Opportunità di lavoro e tirocinio per gli studenti delle SSML aderenti ad AUPIU

slide

Per tutti i nostri studenti  durante gli studi triennali  e   per i frequentanti corsi di alta formazione professionale delle SSML si apre le opportunità offerte da Unitaliaservizi (UNITALIA – Associazione italiana traduttori e interpreti, mediatori linguistici, adattatori dell’audiovisivo).

L’Associazione promuove le professioni tramite l’aggiornamento professionale  e le migliori condizioni e prestazioni di lavoro di traduttori e interpreti, mediatori linguistici, adattatori dell’audiovisivo e ne garantisce il rispetto. Realizza iniziative legislative volte al riconoscimento di uno stato giuridico professionale, del diritto d’autore a favore dei traduttori e dell’insegnamento della tecnica e pratica  di traduzione in istituti di istruzione a vari livelli.
Infine, promuove l’aggiornamento professionale di traduttori e interpreti, delle carriere della Mediazione linguistica, della traduzione per l’adattamento, la sottotitolazione e l’audio descrizione, la raccolta e la diffusione di informazioni riguardanti la professione, nonché la collaborazione con gli istituti di formazione di traduttori e interpreti e delle carriere della mediazione linguistica.

interpretation-services

L’Associazione UNITALIA fornisce servizi di traduzione scritta, interpretariato, mediazione linguistica plurilingue, traduzione ed adattamento per i servizi degli audiovisivi plurilingue, sottotitolazione ed audio descrizione.

Grazie alle tecniche di simultanea, consecutiva, chuchotage e trattativa, l’associazione è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza organizzativa in campo linguistico e congressuale.

professional_service3

Una realtà professionale di tutte le SSML aderenti all’associazione AUPIU. Molti  Clienti come la Camera dei Deputati, il Senato, diverse ONG ed aziende di organizzazione congressuale, oltre a Ministeri ed Enti pubblici, si sono serviti degli interpreti e traduttori  provenienti da Unitalia anche tramite richieste fatte presso le stesse Scuole Superiori per Mediazione Linguistica.

Ogni anno le richieste alle SSML   aumentano con grande orgoglio dello staff e degli studenti e dei corsisti che si preparano per diventare dei  professionisti e che partecipano, oltre che allo studio, anche alla vita professionale e al fermento lavorativo che circonda le SSML aderenti  all’AUPIU.

L’impegno, la serietà e la grande motivazione sono i requisiti fondamentali per accedere alle opportunità UNITALIAservizi, che spaziano da stage, a servizi gratuiti di traduzione ed interpretariato per ONLUS, fino alla partecipazione a grandi eventi ed all’inserimento nel settore più prestigioso: l’interpretariato di conferenza e la traduzione editoriale.

Un’opportunità per molti, un trampolino per tutti coloro che vogliono davvero entrare dalla porta principale della professionalità linguistica.

Chiedi informazione

 

Un servizio UNITALIAservizi  per voi.

 

 

Corsi di preparazione on line e in presenza ai test ammissione in interpretariato presso le SSML

 

Master in interpretazione simultanea on line

Obiettivo del corso:

Il master in Interpretazione Simultanea mira a rispondere a puntuali necessità di formazione di interpreti di conferenza. I partecipanti al Master saranno in grado di operare con piena padronanza della tecnica e dell’etica professionale, fornendo servizi di interpretariato simultaneo. L’orizzonte professionale di riferimento sono: l’Unione Europea, gli scambi internazionali.

DESTINATARI 

Candidati in possesso di un diploma di laurea triennale (nuovo ordinamento), di laurea quadriennale (vecchio ordinamento) o di laurea specialistica, indipendentemente dalla facoltà di provenienza, conseguito in un’Università degli Studi o in un altro Istituto Superiore equiparato, o di un altro titolo equivalente conseguito presso un’altra Università o Scuole per Mediatori Linguistici.

LINGUE

 

Il Master prevede la frequenza di una lingue straniera attivata tra :inglese ,francese, tedesco, spagnolo. arabo, cinese,russo e portoghese. A richiesta possono essere attivate altre lingue .

E’ possibile partecipare con più lingue tra quelle sopra indicate .

Attività formative di base

Tutte le lezioni del Master sono improntate su simulazioni di servizi di interpretazione  simultanea e si svolgono in laboratorio linguistico a distanza. Il materiale didattico delle esercitazioni e’ costantemente aggiornato e ricalca i settori maggiormente utilizzati dai servizi effettivamente svolti dai docenti/interpreti della Associazione UNITALIA e dalle SSML aderenti ad  AUPIU.
A richiesta dei partecipanti potranno essere organizzate esercitazioni pratiche in presenza.

Attività formative caratterizzanti

 

Modulo 1: Introduzione all’interpretariato di conferenza

Modulo 2: Linguaggi settoriali

Modulo 3: Interpretazione simultanea

Modulo 4: Consolidamento

Modulo 5: Teoria e tecniche della professione di interprete

Materiali Didattici

Ai partecipanti sarà fornito il seguente materiale didattico:

  • File audio per esercitazioni ;
  • Materiali e presentazioni a supporto dell’interpretazione;
  • Glossari;
  • Bibliografia specifica e siti web utili per mantenere l’allenamento

 

Stage e Project Work
I partecipanti potranno svolgere un lavoro “sul campo” nell’ambito di un tirocinio presso un’azienda partner all’iniziativa sotto la guida di un referente  tutor.
L’attività di tirocinio sarà funzionale alla preparazione di un project work che verrà presentato alla prova finale valida ai fini del conseguimento del titolo di raggiunta professionalità .

Prova finale

Al termine del percorso didattico è prevista una prova finale.

Procedura iscrizione master e corsi on line